-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 6 ottobre 2016

Il balzo dell'ISM Index condizionerà i mercati finanziari


La reazione di ieri conduce ancora una volta Piazza Affari a ridosso della resistenza di breve periodo, che fino ad ora ha rintuzzato efficacemente gli "attacchi" (si fa per dire) dell'indice MIB. Chiudere oltre questa soglia sarebbe confortante, e capitalizzerebbe la conformazione benigna che il momentum propone. Resterebbe da colmare un divario sterminato nei confronti delle altre piazze europee: la differenza fra la performance annuale della borsa italiana, e quella dell'Eurostoxx50, si misura nell'ordine dei 20 punti percentuali. Un gap così marcato non si registrava dal 1999.

Ma ieri si parlava soprattutto del sorprendente dato sull'attività non manifatturiera negli Stati Uniti, dove l'ISM Servizi è schizzato dai 51.4 punti di agosto, ai 57.1 punti del mese da poco terminato (era attesa una rilevazione a 54.0 punti): si tratta dell'escursione mensile più marcata della storia del sondaggio. Sorvolando sul fatto che 9 sottocomponenti su 10 hanno fatto registrare un miglioramento rispetto alla precedente rilevazione - interessante rilevare dove si collocasse il mercato azionario nelle circostanze analoghe precedentemente registrate... - è interessante a questo punto confrontare l'ISM Composite con l'andamento dei mercati finanziari USA.

Il grafico che proponiamo nel Rapporto Giornaliero di oggi mostra nella parte superiore lo Stock/Bond ratio: rapporto fra l'indice S&P500 e le quotazioni del Treasury Bond. Come si può notare, lo SBR si è mosso in un canale lievemente inclinato verso il basso per buona parte degli ultimi tre anni. In basso, il tasso di variazione di questo dato è confrontato con l'ISM Composite (media semplice di manifattura e servizi): si osserva una buona correlazione, con entrambe le misure che adesso puntano risolutamente verso l'alto, prefigurando un esaurimento del rallentamento congiunturale in essere dal 2014, e conseguentemente l'avvio di un periodo di migliori quotazioni azionarie, e/o di più elevati tassi di interesse.


Gaetano Evangelista
www.ageitalia.net

Nessun commento:

Posta un commento