-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 26 ottobre 2016

Ftse Mib vicino all’ostacolo

Nel breve -medio periodo la reazione del Ftse Mib è stata oggettivamente positiva ma soffriamo ancora deficit di forza relativa rispetto agli altri listini azionari. Vediamo come può evolvere la settimana che sta per cominciare e che ci porterà al TOL Expo in Borsa Italiana a Milano il 27 e 28 ottobre.



Parliamo quest’oggi del nostro indice: la situazione nel lungo periodo non è soddisfacente; mentre i listini Usa consolidano massimi storici e il Dax mostra nuova forza in un canale ascendente, il Ftse Mib in questo anno, di cui cominciamo a tirare le somme, è lontanissimo sia dai livelli di gennaio 2016 che dai massimi storici toccati in area 50.000 oramai tantissimi anni fa. Al trader non spetta il compito di capirne i motivi, ma al massimo di sfruttarne le implicazioni a livello operativo.

Il trend, come vediamo dalle sequenze di minimi e massimi di swing in figura è short, e la paura di molti, non del tutto infondata, è che la linea blu sui massimi discendenti e quella rossa sui minimi ascendenti sia un enorme triangolo ribassista che, secondo i manuali di analisi tecnica, dovrebbe essere una figura di continuazione del trend.

In realtà molti trader sanno che, nella realtà operativa, un triangolo può essere anche inversione del trend, ed è quello che noi tutti ovviamente speriamo. Ci sono però degli elementi a livello grafico che possono indurci a pensarlo seriamente? Osserviamo attentamente:



Guardiamo il Ftse Mib dall’estate 2016 in poi: la bella stagione, di solito associata a ribassi o comunque a “non rialzi” è stata invece davvero generosa, come possiamo notare.

Al contrario, ottobre di solito è un mese in cui ci sono profondi minimi di mercato, ma sia i listini americani che il nostro indice, stanno ancora una volta comprando minimi, anzi noi stiamo sovraperformando Wall Street che è racchiusa in un canale di fatto orizzontale.

Abbiamo quindi davanti una settimana cruciale perché se i prezzi dovessero tenere, salire o comunque non scendere, gli ultimi 2 mesi dell’anno dovrebbero essere relativamente tranquilli per gli investitori.

Cosa non torna allora in tutta questa storia? La prima incognita è grafica: la media mobile a 200 giorni che transita poco sopra i prezzi attuali e che rappresenta un benchmark per il mercato, è negativa ed è ancora sopra i prezzi. La seconda è di tipo politico-macroeconomico, legata alle elezioni presidenziali e alla vittoria di candidati molto diversi tra loro che avranno diverso impatto a livello internazionale, nonché al rialzo dei tassi negli USA che sappiamo bene, non ha un impatto positivo sui listini azionari in generale.

Sintesi finale: 17.300 punti cioè la resistenza rappresentata dalla 200 periodi e tutti i minimi di swing sopra i 17.300 punti sarebbero occasioni per riaprire posizioni long da qui alla fine dell’anno.

Ci vediamo giovedì e venerdì 27 e 28 ottobre a Milano in Borsa Italiana dove sarò relatore alla Tol Expo.

Per contatti sono su Facebook o scrivere a: supergianvi@gmail.com
Gianvito D’Angelo



Tratto da ITFORUM NEWS, clicca qui per leggere gli altri articoli:http://news.itforum.it/redazione/
ITFORUM - Il piu' grande evento gratuito dedicato a Risparmio Gestito & Trading On Line
 CLICCA QUI per rivedere l’edizione precedente

 
Autore: Redazione Itforum

Nessun commento:

Posta un commento