-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 28 ottobre 2016

Ftse Mib tra due fuochi

Non si può certo dire che l’indice italiano Ftse Mib non appaia forte in questa fase. Anzi, probabilmente è stato così tanto bastonato che il recupero in atto non è poi così sorprendente. Ma passiamo all’analisi.
A ben vedere siamo ancora stretti tra due fuochi: da un lato, infatti, chi ha venduto prematuramente non riesce a rientrare (sono 3 settimane che il mercato non segna nuovi minimi come si vede in Figura 1).
Figura 1.
Future FtseMib40 – grafico settimanale.
Dall’altra parte gli equilibri sono talmente fini che rimane attuale il rischio che le resistenze poste in area 17.500 reggano, rispedendo i prezzi verso il basso (Figura 2).
Figura 2.

Future FtseMib40 – grafico settimanale.
Quindi, a quale partito iscriversi? Quello dei ribassisti, abbandonando le posizioni prima che sia troppo tardi, o quello dei rialzisti, comprando prima che i prezzi esplodano e ci lascino fuori dal tanto atteso rialzo?
Come detto, sarà un gioco di sottili equilibri a farlo capire ma due cose possono essere aggiunte:
  • Il livello di 17.500 punti è discriminante, se superato in un certo modo e con certi tempi;
  • Allo stato attuale tutto sembra coerente con una continuazione della salita.
Ampliando un po’ il quadro, però, se di esplosione e di salita si dovrà parlare, sarà poi (a tempo debito) destinata a finire e caratterizzarsi come un rimbalzo.
Ciò sembra desumibile dalla forma di inizio movimento (onda A-B-C in Figura 3) che, secondo la teoria di Elliott, porta a un successivo ribasso.
Figura 3.

Future FtseMib40 – grafico giornaliero con analisi onde di Elliott.
Vediamo ora come si comportano alcuni titoli del settore eolico o energetico in generale.
Pieno di energia appare il titolo Erg: nella sua prima settimana di settembre ha effettivamente rotto la sua linea di trend di medio periodo, si è poi andata ad appoggiare sui supporti e sembra dunque pronto per ripartire al rialzo.
LONG ai livelli attuali di area 10,25 e stop-loss a 9,75.

Unica attenzione aggiuntiva da porre sarà un eventuale scoglio in area 10, 56 (Figura 4).
Figura 4. ERG – grafico settimanale.
Non del tutto senza energia ma con le batterie un poco scariche si presenta EDISON RISPARMIO, a meno che non superi in chiusura di mese la sua resistenza posta a 0,7395.
Figura 5.

EDISON RISPARMIO – grafico mensile.
Se ciò non dovesse avvenire sarebbe da andare SHORT sul titolo con stop-loss in area 0,79 e obiettivo 0,676.
Autore: Paolo Piol Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento