-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 6 ottobre 2016

FMI: il mondo affoga nel debito. Nuovo record


152 mila miliardi di dollari la cifra che, secondo il Fondo Monetario Internazionale, segnerebbe il livello record del debito mondiale.

I numeri del maxi debito 

Un debito in costante crescita e che negli ultimi 15 anni, cioè dal 2000 al 2015, è passato dal rappresentare il 200% del debito Pil del pianeta al 225%.
A confermarlo è il dipartimento fiscale del Fmi rappresentato da  Vitor Gaspar il quale ricorda anche che la maggior parte del debito in questione riguarda realtà private mentre il debito pubblico riguarda l’85% del Pil. Si tratta, in quest’ultimo caso, di una realtà anch’essa in aumento visto che sempre nell’arco di tempo preso in considerazione e cioè i 15 anni che vanno dall’inizio del millennio all’anno scorso, si è passati dal 70% all’85%, appunto.

A cambiare, però, non è solo la qualità del debito ma anche la sua natura visto che, proprio in corrispondenza della crisi mondiale, (2009-2011) si è registrato un calo del processo di indebitamento con un andamento che, successivamente ha visto la ripresa sia della crescita che del debito con il secondo che viaggiava molto più velocemente della prima.

Il circolo vizioso

Questo perchè, come esaminato dallo stesso report del FMI, l’aumento del debito fa crescere di meno e, di riflesso, una crescita anemica porta ad un livello aumentato di indebitamento.

Interessante constatare anche una disomogenità interna alle varie nazioni. Nello  specifico si vede un’area economicamente sviluppata ma anche estremamente indebitata (277% il debito Pil) caratterizzata a sua volta da bassissimi livelli di crescita. Dall’altra parte, invece, al realtà degli emergenti che può vantare non solo tassi di crescita più rapidi ma anche tassi di indebitamento più bassi (116%): Ma se la maggior parte della percentuale del debito riguarda le economie mature, persiste quel punto interrogativo rappresentato dalla Cina.

Un apporto non  indifferente visto che eliminando le prime due voci rappresentate dalle prime due economie mondiali, il rapporto debito Pil scende a 215% contro il già citato 225%.
Per quanto riguarda l’Italia le prospettive del Fondo Monetario parlano di un aumento che toccherà l’apice l’anno prossimo con un 133,4% che scenderà solo nel 2018 arrivando al 125% tra 5 anni. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento