-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 17 ottobre 2016

Cosa implica per Piazza Affari il boom di sorprese macro?


Settimana ancora una volta all'insegna dell'incertezza, con la borsa italiana che spezza la consuetudine e brilla per performance assoluta e relativa. Interessante rilevare come, venerdì sera, il MSCI World si trovasse praticamente sui medesimi livelli di tre mesi fa; a riprova dello stallo raggiunto da tempo.
L'indice, peraltro, è reduce dall'interessamento della media mobile a 200 giorni, e ciò dovrebbe consentire nelle prossime sedute una ulteriore reazione. Il conseguimento della scadenza ciclica del Delta System, che suggeriva un minimo fra giovedì e venerdì, depone a favore di questa lettura.
Rispetto all'inizio di settembre, il contesto economico globale è in vistoso miglioramento.

Gli indicatori di sorprese macro hanno riguadagnato la positività in Europa, nel G10 e in Giappone; hanno svoltato invece in territorio negativo in Cina, e puntano nettamente verso il basso nelle economie emergenti. Assolutamente degna di nota la performance dell'Italia: qui, al termine di un lento ma costante recupero, il CESI ha scavalcato di netto la linea dello zero, risalendo ai livelli più elevati dall'inizio dell'anno.
L'andamento del PIL nel terzo e quarto trimestre sorprenderà più di un osservatore.
Ma cosa significa questo decollo del CESI per il mercato azionario? nella figura abbiamo comparato l'indice MIB all'indicatore di sorprese economiche calcolato da Citigroup, assieme al tasso di variazione a 30 settimane (praticamente, sette mesi): in questo arco di tempo il CESI è cresciuto di quasi 100 punti! Ad evidenza, negli ultimi due lustri gli episodi simili sono in tutto sei; sufficienti per indurre una riflessione circa le prospettive più probabili per i prossimi mesi a Piazza Affari.

Nota.

Il presente commento è un estratto sintetico del Rapporto Giornaliero, pubblicato tutti i giorni entro le 8.20 da AGE Italia; pertanto eventuali riferimenti a studi tecnici vanno intesi riferiti ai grafici ivi riportati.
Autore: Gaetano Evangelista Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento