-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 18 ottobre 2016

Clima più sereno sui bancari. I titoli da mettere in portafoglio

Un bel risveglio quest'oggi per Piazza Affari che, dopo essere stata l'unica a chiudere gli scambi in positivo in Europa ieri, continua a spingersi in avanti, peraltro ad un ritmo più vivace della vigilia. A sostenere il mercato è la buona intonazione dei titoli del settore bancario che vedono Banca Monte Paschi in rally del 6,7%, seguito da Banca Popolare dell'Emilia Romagna che scatta in avanti del 5,28%, ma riescono a fare bene anche Banco Popolare (Amsterdam: PB8.AS - notizie) e Banca Popolare di Milano (Milano: PMI.MI - notizie) , con un vantaggio rispettivamente del 3,42% e del 2,8%.
Ubi Banca (Amsterdam: UF8.AS - notizie) e Intesa Sanpaolo (Amsterdam: IO6.AS - notizie) si apprezza del 2,41% e del 2,3%, seguiti da Unicredit (EUREX: DE000A163206.EX - notizie) e Mediobanca (Milano: MB.MI - notizie) che crescono del 2,04% e dell'1,83%.
Meno tensioni sui bancari con news su MPS (BSE: MPSLTD.BO -notizie) e BPM (Other OTC: BPMI - notizie) /Bco Popolare
Sul settore bancario si respira indubbiamente meno tensione rispetto al recente passato e questo è favorito da una parte dal via libera delle assemblee di Banca Popolare di Milano e di Banco Popolare alla fusione tra i due gruppi, dall'altra dalle ultime novità relative a Banca Monte Paschi.
La stampa ha fornito ulteriori dettagli sul piano presentato da Corrado Passera e il mercato sembra apprezzare visto che si fa riferimento ad un aumento di capitale più contenuto e ad un ammontare maggiore di crediti non performanti da cartolarizzare.
Le indicazioni su Bca MPS
Partendo proprio da Banca Monte Paschi, per oggi è prevista una riunione del Cda che dovrebbe discutere il piano presentato da Passera. Gli analisti di Banca IMI guardano con favore a quest'ultimo, evidenziando in particolare il possibile interesse di nuovi investitori, in modo da ridorre l'entità della ricapitalizzazione. In attesa di novità Banca IMI si mantiene cauta sulle azioni della banca senese, confermando la raccomandazione "hold".
Goldman Sachs (NYSE: GS-PB - notizie) e Natixis (Londra: 0IHK.L - notizie) puntano su Unicredit
Spostando l'attenzione su altri titoli, Goldman Sachs proprio ieri ha rinnovato la sua scommessa su Unicredit che è stato confermato nella sua conviction buy list. Il titolo è da comprare perchè viene trattato con uno sconto eccessivo, inoltre presenta un interessante potenziale derivante dalla cessione di asset e dall'incremento della redditività. Con riferimento in particolare alla cessione di Bank Pekao, Goldman Sachs ritiene che l'operazione avrebbe l'effetto di aumentare di circa 60 punti base il Common Equity Tier 1 ratio di Unicredit.
A puntare su quest'ultimo è anche Natixis che invita ad acquistare con un prezzo obiettivo ridotto però da 4,9 a 3,2 euro. Per il broker ci sono quattro aspetti che potrebbero aumentare il Common Equity Tier 1 della banca: il risparmio dei costi, un ritmo più veloce del deleverage, la vendita di Bank Pekao e Pioneer e un aumento di capitale da 4 miliardi di euro.
La scommessa su Intesa Sanpaolo
Buone notizie per Intesa Sanpaolo arrivano invece da Citigroup (NYSE: C - notizie) che nei giorni scorsi ha rinnovato l'invito all'acquisto con un target price a 2,35 euro. La banca americana apprezza del gruppo italiano la solidità del bilancio, della liquidità e della posizione di capitale, senza dimenticare un rendimento del dividendo cash sopra la media europea.
Le strategie sulle Popolari
Passando alle Popolari, Goldman Sachs ha una view positiva su Banca Popolare dell'Emilia Romagna che proprio ieri è stata confermata nella sua conviction buy list. Per gli analisti è la banca più a sconto sulla base dello scenario relativo ai crediti non performanti identificato dagli analisti.
Indicazioni positive per Ubi Banca arrivano invece da Banca Akros che suggerisce di acquistare con un fair value a 4,8 euro. La strategia bullish è stata ribadita ieri dopo il via libera dell'assemblea straordinaria al progetto di Banca Unica, definito un elemento di rilievo del piano industriale del gruppo.
Infine, non possiamo non parlare di Banca Popolare di Milano e di Banco Popolare dopo l'ok delle rispettive assemblea alla fusione tra i due istituti. Banca IMI si aspetta ora che le due azioni inizino a scambiare in linea con i loro ratio di concambio. Per entrambi viene confermata la raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo a 4,2 euro per Banco Popolare e a 0,65 euro per Banca Popolare di Milano.
La stessa indicazione di acquisto arriva da Equita SIM che fissa un target price rispettivamente a 4,6 e a 0,72 euro.
Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento