-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 12 ottobre 2016

Astm: analisi tecnica della giornata

Quadro grafico ancora debole per Astm, che si mantiene in prossimità dei supporti strategici a 9.30 e 9.28 euro. In mancanza di una repentina reazione si fa sempre più pressante il rischio che tali riferimenti possano essere violati e che i corsi tornino a spingere il piede sull’acceleratore affondando il colpo verso i target a 9.22 e 9.0 euro (ultimo supporto la cui violazione farà peggiorare il quadro grafico di medio/lungo periodo con un primo target in area 8.51 euro).

Reali segnali di ripresa giungeranno oltre i 10,55 euro (in chiusura di seduta), evento che potrebbe far partire un nuovo rally in direzione di quota 10.85 e 11.50 euro. Il titolo in 6 mesi ha ceduto il 12%, il 19% in 12 mesi, il 3% in 3 anni, mentre in 5 anni ha guadagnato il 20% (dal 2000 ad oggi -33%).
La scorsa settimana Astm ha comunicato di avere acquistato, dal 26 al 30 settembre 2016 compresi, 36.500 azioni proprie (pari allo 0,04% del capitale sociale), al prezzo medio di € 9,6860 per azione, per un controvalore complessivo di € 353.537,55.

Gli acquisti sono avvenuti nell’ambito del buyback autorizzato dall’assemblea ordinaria del 28 aprile 2016 e hanno portato ASTM a detenere complessivamente 6.011.828 azioni proprie, ossia il 6,07% del capitale sociale.

Medie mobili esponenziali:

il prezzo è collocato al di sotto di Ema20, quest’ultima è inferiore a Ema50; entrambe sono inferiori alla media mobile di periodo 200 (SMA).

Secondo questa teoria è in atto l’orientamento più ribassista possibile.

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE

Nonostante dal 1° gennaio 2016 gli adeguamenti tariffari delle controllate operanti nel settore autostradale italiano siano stati riconosciuti limitatamente alla tratta A4 Torino-Milano, i positivi segnali di ripresa del traffico dovrebbero consentire, per l’esercizio in corso, un ulteriore consolidamento dei risultati reddituali del Gruppo ASTM.

Tali risultati rifletteranno altresì gli effetti delle operazioni di acquisizione del co-controllo di Ecorodovias e del controllo di Itinera che potranno rafforzare il posizionamento strategico e la forza competitiva del Gruppo nei mercati di riferimento in un orizzonte di medio periodo.
Autore: Pasquale Ferraro Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento