-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 14 ottobre 2016

5 Buy sui Top Pharma per Jefferies


La ricerca in fase avanzata di alcune molecole, le operazioni di M&A sul settore e la consapevolezza del macrotrend dell'invecchiamento della popolazione come idea per il futuro sono fattori che gli analisti hanno inteso come positivi per 5 grandi nomi. 

Novartis AG (NYSE: NVS)

Una tra le più grandi aziende del farmaco a livello mondiale e una tra le preferite nella lista di Jefferies.

Novartis opera attraverso tre segmenti. Il segmento Farmaceutici è focalizzato verso rami come l'oncologia, le neuroscienze, l'immunologia e la dermatologia, i medicinali per le disfunzioni metaboliche e le terapie cellulari e geniche. Il segmento Alcon copre il settore per la cura degli occhi, comprese le attrezzature oftalmiche per gli interventi chirurgici, strumenti e prodotti usa e getta e lenti intraocular, lenti a contatto prodotti per la loro manutenzione. Il segmento Sandoz guarda invece ai farmaci generici che vanno dalla terapia cardiovascolare al sistema nervoso centrale, alla terapia del  dolore, fino a quelle ormonali comprendendo anche prodotti per i reparti ospedalieri.

Gli investitori possono sfruttare un dividendo del 3,02%.

AstraZeneca PLC (NYSE: AZN) 

L’azienda farmaceutica attiva nel settore delle malattie cardiovascolari, metaboliche, respiratorie, autoimmuni, e nel trattamento delle malattie oncologiche, e neurodegenerative, ha visto, da un punto di vista strettamente finanziario, un andamento altalenante.
Gli esperti di Jefferies hanno definito la sua pipeline eccezionale, soprattutto nel segmento oncologia. Sul fronte delle molecole in fase di sperimentazione (per il 2020 sono attesi 6 nuovi farmaci sul mercato) le attese riguardano quelle per le neoplasie a livello dell’ovaio, del polmone, della mammella e dei tumori ematologici orientati per lo più verso l’approccio genetico e non quello classico.

Gli azionisti ricevono un dividendo del 4,45%. Il target price fissato da Jefferies è di 47,10 dollari.

Zoetis Inc. (NYSE: ZTS)

Specializzata nella farmacologia veterinaria sia per animali da compagnia che di allevamento, l’azienda offre un vasto ventaglio di molecole antinfettive, farmaci per la sedazione e la terapia del dolore, ma anche farmaci antiparassitari e mangimi medicati.
Inoltre è attiva anche nelal commercializzazione diì prodotti e servizi in settori complementari riguardanti i biodispositivi, la diagnostica e la genetica. Piccolo il dividendo pari a 0,75%. L'obiettivo di Jefferies è di 63 dollari.

Abbvie Inc. (NYSE: ABBV)

Questo titolo rappresenta una  multinazionale del farmaco tra le più giovani visto che è nata nel 2013 dopo la scissione da Abbott Laboratories.

Abbvie impiega più di 26.000 persone e commercializza farmaci in circa 170 paesi. Il problema della società è la sua dipendenza da alcuni grandi cavalli di battaglia come la terapia anti-infiammatoria Humira, che da sola ha generato 14 miliardi di fatturato nell'anno fiscale 2015.
Un record che però potrebbe essere un bomerang nel momento in cui il mercato sarà invaso dalla concorrenza dei farmaci biosimilari, una carica guidata da Amgen. Da ricordare anche l’acquisizione per circa 21 miliardi, di Pharmacyclics, società attiva nel ramo dei trattamenti oncologici, nel marzo del 2015.

Punto a favore è il dividendo al 3,63%. Il target fissato da Jefferies è di 90 dollari.

Eli Lilly and Co. (NYSE: LLY) 

Altra azione con grande potenzialità di rialzo secondo Jefferies. L’azienda si occupa di assistenza sanitaria con numerosi prodotti di base per l’assistenza primaria ma è attiva anche nel ramo della farmaceutica veterinaria.  Nel secondo trimestre il target di utili e ricavi ha mancato, di poco il consensus  ma gli analisti guardano con favore a dati oggettivi come una vasta  pipeline di prodotti che si trovano, per quanto riguarda l’iter di sperimentazione, in fase avanzata.

Anche in questo caso si guarda a un dividendo interessante pari al 2,52%. Jefferies fissa a 105 dollari il target price.

Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento