-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 14 ottobre 2016

4 banche con solidi dividendi e che non temono la Fed


Lee Jackson è convinto che anche se la Fed alzerà i tassi a dicembre, e poi probabilmente un paio di volte tra il 2017 e il 2018, si tratterà di piccoli ritocchi progressivi, che non danneggeranno una ripresa economica ancora fiacca e soprattutto saranno d'aiuto ai profitti delle grandi banche. 
Con quest'idea in mente, dalle pagine di 24/7WallSt Jackson passa ai raggi X le raccomandazioni di Merrill Lynch, andando a cercare titoli bancari che, oltre a una raccomandazione 'buy' ('acquistare'), offrono agli investitori anche solidi dividendi.
Particolare da non tralasciare: tre delle quattro banche venute fuori dal suo screening diffonderanno i loro risultati trimestrali oggi, fornendo ulteriori indicazioni su opportunità d'investimento a lungo termine.

Ecco i titoli.

Citigroup Inc. (NYSE: C) 

Citigroup, fa notare Jackson, scambia ancora oltre il 15% sotto i massimi messi a segno la scorsa estate e il gruppo ha registrato nel secondo semestre risultati estremamente solidi. Attività in oltre 60 paesi, servizi forniti a clienti retail, corporation, governi ed enti istituzionali con una serie variegata di prodotti finanziari, offrono ottime garanzie in termini di affidabilità.
Altri dati da tenere in considerazione: un buon programma di buyback, e il fatto che scambiando 9,5 volte gli utili del 2016, Citigroup ha un prezzo molto ragionevole in un mercato dove non è facile trovare occasioni 'cheap'.   
I dati del terzo semestre di Citigroup sono attesi per oggi, e gli analisti prevedono anche questa volta risultati positivi. Citigroup distribuisce ai suoi azionisti un dividendo dell'1,31%.

Gli analisti di Merill Lynch forniscono un prezzo obiettivo di 55 dollari, a fronte della chiusura ieri a 48,47 dollari.

JPMorgan Chase & Co. (NYSE: JPM) 

Il secondo consiglio è per JpMorgan, che scambia scambia 10,8 volte gli utili stimati del 2017 ed è ben posizionata per trarre ottimi benefici da uno scenario di tassi in rialzo: gli ultimi, buoni risultati in termini di crescita del credito e una solido incremento dei depositi potrebbero essere la base di un'ottima performance.
Con 2,6mila miliardi di asset su scala globale, e guidata da uno dei più apprezzati top manager di Wall Street, Jamie Dimon, il titolo è un solido buy per gli investitori.

All'inizio di quest'anno, Dimon ha acquistato 500mila azioni del titolo per l'impressionante cifra di 26 milioni di dollari, raggiungendo una partecipazione pari a 6,7 milioni di azioni del valore di oltre 360 milioni di dollari.
Gli azionisti di JpMorgan ricevono un dividendo del 2,8%.
Il target price a 74 dollari indicato dagli analisti di Merill Lynch offre un buon margine di rialzo a fronte della chiusura di ieri a intorno ai 68 dollari.

PNC Financial Services Group Inc. (NYSE: PNC)

E il terzo consiglio d'acquisto del team di 24/7 Wall St è per Pnc Financial Services, al top tra le banche regionali degli Stati Uniti.

Il gruppo ha un'offerta diversificata, con servizi anche per corporation e enti governativi e business nei settori corporate banking, finanza immobiliare, e risparmio gestito.  Il titolo ha subito una brutta scivolata nelle prime settimane del 2016, ma da allora ha messo a segno un forte rimbalzo.
E con solida crescita dei profitti e un portafoglio crediti in crescita, fa notare Jackson, PNC è una delle migliori banche sovraregionali da tenere in portafoglio. 
Gli analisti di Wall Street indicano numerosi punti forti del gruppo, tra cui gli ottimi piani di ottimizzazione dei costi portati avanti dalla guidance.

L'istituto sta lavorando a un piano di risparmi da 100 milioni annunciato l'anno scorso. Analisti di punta hanno tra l'altro messo in evidenza l'impressionante common equity tier del 10% con cui la banca risponde ai requisiti di Basilea III.
Gli azionisti di PNC ricevono un dividendo del 2,43%.
Merrill Lynch indica un target price di 98 dollari, a fronte di una chiusura ieri a 90,38 dollari.

Wells Fargo & Co. (NYSE: WFC)

Wells Fargo ha subito un brutto danno d'imagine recentemente per lo scandalo dei conti fantasma aperti a nome di clienti ignari e per le dimissioni del CEO dopo una disastrosa audizione al Congresso.

Ma la caduta in borsa dovuta alla cattiva pubblicità, suggerisce Jackson, potrebbe rivelarsi un'occasione per gli investitori di lungo periodo che cercano un buon punto di ingresso. Il titolo rimane uno titoli preferiti del portafoglio di Warren Buffett, che ha portato la sua partecipazione azionaria al 10% all'inizio di quest'anno.
Con un business altamente diversificato e e quasi duemila miliardi di asset, il gruppo fornisce servizi bancari e assicurativi, servizi d'investimento, mutui e credito al consumo e commerciale attraverso 9000 filiali, quasi 13 sportelli bancomat e la sua piattaforma online per il mobile banking.

E con i sui uffici sparsi in 36 paesi Wells Fargo, che cura gli interessi economici di una famiglia su tre negli Stati Uniti, fornisce anche supporto ai clienti che operano a livello globale.  L'istituto è lentamente diventato uno dei principali per i prestiti ipotecari, che si aggiungono alle tradizionali attività di gestione patrimoniale e intermediazione.
E un continuo incremento dei finanziamenti immobiliari offre ulteriori buone prospettive per il bilancio della banca e i profitti. 
Gli azionisti di Wells Fargo ricevono un dividendo del 3,35%. Gli analisti di Merrill Lynch forniscono un target price di 48 dollari (il consensus è a 50 dollari).
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento