-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 8 settembre 2016

Wall Street continua a sonnecchiare


Salutiamo con sollievo il balzo di ieri a Piazza Affari. Al di là della manifestazione di forza relativa, che si inserisce in un contesto favorito dal confronto fra il CESI Italia e quello delle altre aree economiche (Germania, in primis); il recupero di ieri va nella giusta direzione di conferma del recente superamento dello short stop settimanale.
Per la prima volta dallo scorso autunno, la borsa italiana può vantare una tendenza positiva di medio periodo; il germoglio è ancora gracile, e basterebbe una gelata a sopprimerlo. Per cui una nuova chiusura superiore alla resistenza settimanale, sebbene formalmente non necessaria, sarebbe di non poco conforto.
Wall Street nel frattempo continua a sonnecchiare.

Certo, non ci possiamo aspettare che la borsa americana continui a tirare la carretta a tempo indeterminato; specie in un mese stagionalmente poco propizio, come quello corrente (ma ieri ci siamo soffermati su circostanze e azioni che in una finestra temporale ben definita godono di una frequenza storica benigna del 100%...).
Tuttavia l'aspetto più rilevante, al momento, è quello accennato ieri: mercato azionario e titoli di Stato vanno allegramente a braccetto. È una anomalia, perlomeno con riferimento all'esperienza degli ultimi quindici anni, perché da quando le pressioni deflattive sono divenute dominanti, solitamente il rialzo delle quotazioni azionarie è andato di pari passo con la crescita dei rendimenti; e viceversa.
Il rapporto di oggi mostra tutti i casi, in questo bull market, in cui S&P e "TNX" hanno vantato lo stesso segno giornaliero in non più di 11 sedute nell'arco di 30 giorni: evidente la reazione sperimentata in conseguenza dell'anomalia riscontrata.

Nota.

Il presente commento è un estratto sintetico del Rapporto Giornaliero, pubblicato tutti i giorni entro le 8.20 da AGE Italia; pertanto eventuali riferimenti a studi tecnici vanno intesi riferiti ai grafici ivi riportati.
Autore: Gaetano Evangelista Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento