-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 14 settembre 2016

Un Etf ad alto rendimento


Ultimamente c’è un interesse diffuso in merito ai tassi di interesse, nell’attesa che tornino a crescere. Del resto, i numerosi interventi delle banche centrali sono stati improntati verso interventi espansivi, tra cui diversi tagli dei tassi e politiche monetarie straordinarie di acquisto di assets.
Ad oggi quindi è particolarmente difficoltoso trovare un investimento con un buon rapporto rischio-rendimento.
Gli sforzi delle banche centrali a favore della ripresa non sono uniformi, ma dipendono ampiamente dai fondamentali del Paese di riferimento. Si osserva nello specifico che negli USA, la Fed parla ormai da vari mesi della possibilità di tornare ad aumentare i tassi di interesse, grazie anche a segnali più incoraggianti, come ad esempio un tasso di inflazione maggiore rispetto a quello europeo.

Le condizioni più favorevoli del contesto americano comportano rendimenti maggiori degli europei. Per avere una misura di tale differenza basta notare che il rendimento medio del comparto high yield americano al netto del tasso risk-free è di 525 bps, mentre in Europa abbiamo un rendimento medio dello stesso comparto pari a 339 bps.
Per impiegare in maniera efficiente i loro capitali in questa fase complessa, gli investitori in bond possono quindi puntare ai maggiori rendimenti del comparto high yield oltreoceano, prestando attenzione però a coprirsi dalla volatilità del tasso di cambio.
Vista l’elevata rischiosità degli emittenti, nonché la complessità degli strumenti in valuta, è però quanto mai fondamentale su questa asset class una adeguata diversificazione di portafoglio.

Per gli investitori retail questo è possibile solamente affidandosi a strumenti collettivi. Il taglio minimo della maggior parte dei bond HY sul mercato consente infatti una selezione diversificata di strumenti attraenti solamente agli investitori con patrimoni molto elevati.
Uno strumento che permette un’adeguata diversificazione e copre dall’esposizione al tasso di cambio è l’ETF PIMCO Short-Term High Yield Corporate Bond Index Source UCITS ETF EUR Hedged (ISIN IE00BF8HV600), accessibile tramite Borsa Italiana (nel grafico seguente la sua performance total return negli ultimi due anni).
In sintesi lo strumento presentato replica fisicamente un indice composto da bond high yield americani con duration 0-5 anni (BofA Merrill Lynch 0-5 Year US High Yield Constrained index).

Inoltre la classe specifica segnalata è hedged quindi provvede in maniera automatica alla copertura dal tasso di cambio. L’ETF consente quindi di accedere con un unico acquisto ad un numero elevato di emittenti, ad un costo pari al TER (Total Expense Ratio) di 0,6%, che risulta nella media della tipologia.
In termini di dividend yield lo strumento ha distribuito il 5,36% negli ultimi 12 mesi.
Un valore aggiunto dello strumento presentato è dato dal fatto che investa in titoli con scadenze ridotte, 0-5 anni, quindi meno soggette a perdite di valore in caso si verifichi l’atteso aumento dei tassi.
Ricordiamo sempre che ciascun investitore dovrà soppesare l’opportunità di esporsi a questo investimento ad alto rischio in base alla propria tolleranza al rischio e al suo orizzonte temporale, e sempre all’interno di una ampia diversificazione di portafoglio.
Di Gianni Lupotto - Alfa Consulenza Finanziaria
Autore: ItForum Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento