-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 21 settembre 2016

Sotto La Lente Dell'Analisi Tecnica: attese e obiettivi sui principali titoli

La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti al principale indice di benchmark italiano, il FTSE MIB, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
*Unicredit
*
Unicredit (-0,88%) prova a dare seguito alla reazione messa a segno lunedì e sale fino a 2,13 salvo poi tornare sui propri passi.

Il titolo dovrà infatti risalire oltre 2,17 per inviare segnali di miglioramento creando così le premesse per un nuovo test dei massimi di inizio settembre a 2,38/2,40, lato alto del canale che sale dai minimi di luglio. Solo oltre questo riferimento segnali di forza per obiettivi a 2,73, top del 23 giugno, e 3,14, picco del 25 maggio.
Il mancato ritorno sopra area 2,17 potrebbe invece comportare la violazione dei minimi di venerdì a 1,97 circa.
-Target: 2,17 euro 
-Negazione: 1,97 euro
-RSI (14): neutrale
Ubi Banca
Ubi Banca (-3,08%), in rosso per la settima seduta consecutiva, accelera al ribasso sotto i minimi di agosto a 2,17 circa e alimenta i timori che il movimento possa estendersi fino al test di quota 1,821, minimo del luglio 2012.

Unico appiglio al quale il titolo potrebbe aggrapparsi per scongiurare la realizzazione di questo scenario si pone a 1,97 circa, linea che unisce i minimi da febbraio, ma l'eventuale reazione dovrà riportare i corsi sopra area 2,30 per intravedere spazi di ripresa. Target in tal caso a 2,50/2,54, picco di settembre.
-Target: 2,54 euro
-Negazione: 2 euro
-RSI (14): ipervenduto
*
Retelit*
Retelit (+1,87%) ha preso la rincorsa dal supporto a 0,66 circa, media mobile a 100 giorni, riuscendo a rompere la linea tracciata dai massimi estivi.

In caso di superamento anche dei top di inizio settembre a 0,7175 verrebbe riattivato l'uptrend di lungo corso verso target a 0,7530, massimi di 2 anni fa. Indicazioni negative invece sotto 0,66, avvalorate dalla violazione della linea che sale dai minimi di febbraio, ora a 0,61/0,62.
-Target: 0,75 euro
-Negazione: 0,66 euro
-RSI (14): neutrale
Prysmian
Prysmian (+1,32%) insiste sugli ostacoli rappresentati dai top di maggio a 22,45 euro, resistenza critica non solo nel breve termine.

Il superamento di questo ostacolo, coincidente anche con i top del 2015, rappresenterebbe un punto di svolta decisivo per il titolo che potrebbe ambire al test a 23,55 del lato alto del canale che sale dai minimi di febbraio, e di 23,90 circa. Nella direzione opposta, sotto 21,10 supporto a 20,60, media mobile a 100 giorni, e a 20 euro.
-Target: 23,55 euro
-Negazione: 21,10 euro
-RSI (14): neutrale
*
Stmicroelectronics*
Stm (+1,43%) preme sull'acceleratore e raggiunge il picco di ottobre 2015 a 7,13 circa.

Sebbene l'arrivo su questi livelli non abbia comportato lo sconfinamento in ipercomprato da parte degli oscillatori veloci, la presenza, in questo punto, del 50% di ritracciamento del ribasso dai top di marzo 2015 potrebbe rappresentare un freno all'uptrend. Una stabilizzazione dei sopra area 7 permetterebbe invece di credere nel proseguimento del rally verso 7,70 circa.
Solo il perentorio ritorno sotto area 6,40 potrebbe invece vanificare gli sforzi recenti anticipando cali verso 5,89, base del gap del 27 luglio.
-Target: 7,70 euro
-Negazione: 6,40 euro
-RSI (14): neutrale
Diasorin
Diasorin (+1,76%) prova a dare seguito alla reazione messa a segno da circa 53/54 euro, media mobile a 100 giorni e base del canale che sale dai minimi di febbraio.

La rottura della linea che scende dai massimi di agosto, a 56,50 circa potrebbe ora lasciare spazio a nuovi movimenti al rialzo verso i record recentemente toccati a 62,40 euro. Target successivo a 65 euro, lato superiore del citato canale. Ritorno alla debolezza invece, sotto area 53.
-Target: 65 euro
-Negazione: 53 euro
-RSI (14): neutrale
(CC)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento