-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 2 settembre 2016

Quella sgradevole sensazione di trappola per Tori...


Non si può nascondere il disappunto per l'andamento rocambolesco della seduta di ieri a Piazza Affari: dove l'indice MIB ha avuto ragione dei massimi degli ultimi due mesi, prima di chiudere mestamente sui minimi; ancora una volta, sotto alla selva di proiezioni e resistenze che si annidano poco sopra i 17000 punti. Ancora una volta, lo short stop settimanale ha avuto la meglio. E sebbene manchino ancora 24 ore alla fine della corrente ottava, la sensazione che si sia trattato di una trappola per Tori è netta; specie tenuto conto della eccezionale lettura del put/call ratio di martedì, di cui ci siamo occupati ieri.

Il rischio, se la debolezza delle ultime ore trovasse conferma, è che venga meno anche la debole definizione di uptrend emersa in questa tormentata seconda metà del 2016. Sebbene tuttora negativo, il CESI (Citi Economic Surprise Index) è migliorato sensibilmente, in Italia, dalla fine di giugno ad oggi; e questo sarebbe compatibile con miglioramento della dinamica borsistica. In effetti Piazza Affari ha recuperato posizioni, ma è apparsa più volte incerta, nel momento in cui ha dovuto affrontare il passaggio da una condizione di mero consolidamento, a quello di rally a tutti gli effetti.
Condizione tecnica ben diversa è vantata da Wall Street. Con quella di ieri, sono ben 39 le sedute per lo S&P che non hanno visto un saldo giornaliero in valore assoluto pari o superiore al punto percentuale. Si tratta della seconda stringa più prolungata di questo bull market, dopo il "digiuno" di vitalità che si interruppe a luglio 2014 dopo ben 62 sedute.

Dal Dopoguerra ad oggi, si contano una trentina di circostanze simili a quella recente. È interessante notare come di solito la successione si interrompe a favore di una seduta marcatamente negativa. Un mese dopo, le statistiche arridono agli Orsi, seppure di misura. Da notare come il saldo della seduta che interrompe questa sequenza, finisce per condizionare sensibilmente l'andamento delle settimane successive: chi per prima, fra Orsi e Tori, interrompe il sonno, assume per qualche tempo il controllo del mercato.


Gaetano Evangelista
www.ageitalia.net

Nessun commento:

Posta un commento