-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 22 settembre 2016

Piazza Affari prova a reagire, ma lo scenario resta fragile


A differenza di martedì, quando la giornata si è conclusa in maniera contrastata, quest'oggi le Borse europee si sono mosse tutte nella stessa direzione, chiudendo gli scambi con il segno più. Il Ftse100 si è accontentato di un frazionale rialzo dello 0,06%, mentre il Dax30 e il Cac40 hanno guadagnato rispettivamente lo 0,41% e lo 0,48%.

Ftse Mib respinto dal primo ostacolo a 16.500

A fare meglio degli altri è stata Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni a 16.349 punti, con un vantaggio dello 0,88%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 16.503 e un minimo a 16.332 punti.


L'indice ha avviato gli scambi in salita e grazie alla tenuta del supporto a 16.200 punti testato nuovamente ieri, ha provato ad allungare il passo in direzione dei 16.500 punti, salvo poi ritracciare verso i 16.350 in chiusura di sessione.
A questo punto la direzione del mercato nelle prossime ore sarà dettata dalla reazione di Wall Street alle indicazioni che arriveranno dalla Fed.
Eventuali sorprese da parte di quest'ultima potrebbero favorire incrementi di volatilità con movimenti direzionali anche accentuati in una direzione o nell'altra.
Dal punto di vista tecnico segnaliamo per il Ftse Mib l'ostacolo dei 16.500 punti, oltre il quale ci sarà spazio per una prosecuzione degli acquisti verso area 17.000.

Solo con il superamento di questo livello si avranno apprezzamenti in direzione dei recenti massimi di periodo in area 17.400, il raggiungimento dei quali appare prematuro almeno nell'immediato.
La mancata riconquista dei 16.500 punti potrebbe favorire ripiegamenti verso i 16.200 punti, rotti i quali si sposterà lo sguardo sulla soglia psicologica di area 16.000.

Con il cedimento di quest'ultimo sostegno il quadro tecnico del Ftse Mib subirà un ulteriore deterioramento, con il rischio di una prosecuzione delle vendite verso i 15.500 punti prima e in seguito in direzione dei minimi dell'anno i area 15.000.

I market movers in America e in Europa

Per oggi segnaliamo che il mercato azionario giapponese rimarrà chiuso per festività, mentre in America sul fronte macro si conosceranno le nuove richieste di sussidi di disoccupazione che dovrebbero salire da 260mila a 262mila unità.

In agenda anche l'indice CFNAI di agosto, mentre le vendite di case esistenti ad agosto dovrebbero salire da 5,39 a 5,44 milioni di unità. 
Per il Superindice di agosto le previsioni segnalano una lettura sulla parità, in frenata rispetto al rialzo dello 0,4% precedente.
In Europa sarà diffuso il dato preliminare della fiducia dei consumatori che a settembre dovrebbe migliorare leggermente da -8,5 a -8,4 punti.
In Francia si conoscerà l'indice relativo alla fiducia delle imprese che a settembre dovrebbe rimanere invariato a 101 punti. 
In mattinata sarà diffuso il Bollettino mensile della BCE, mentre nel primo pomeriggio è previsto un discorso del presidente Mario Draghi.

I titoli da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari saranno diffusi i risultati del primo semestre di Alba, ASTM, Cad It, Conafi Prestitò, S.S.Lazio, Sias, Tas, CastaDiva, Enertronica, Neurosoft e Notorius Pictures.
In agenda l'assemblea di FullSix per deliberare in merito all'aumento di capitale e alla nomina di un amministratore. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento