-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 30 settembre 2016

Piazza Affari non è ancora al sicuro: i livelli da monitorare


Ancora una seduta in recupero per le Borse europee che dopo una partenza promettente hanno subito una frenata nel pomeriggio, complice l'andamento incerto di Wall Street. Il movimento a passo di gambero è stato più accentuato Per il Dax30 che ha chiuso gli scambi in flessione dello 0,31%, mentre il Cac40 e il Ftse100 sono saliti rispettivamente dello 0,26% e dell'1,02%.

Ftse Mib respinto da area 16.500: le attese per domani

In positivo anche Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni a 16.338 punti, con un rialzo dello 0,72%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 16.506 e un minimo a 16.253 punti.


L'indice ha avviato gli scambi già in buon progresso, ma ha ritracciato nel pomeriggio, pur riuscendo a dare un seguito al rimbalzo della vigilia. I corsi sono arrivati a testare l'area dei 16.500 punti che avevamo segnalato come primo obiettivo nella rubrica di ieri.
La tenuta di questo livello ha fatto scattare delle prese di profitto, ma a nostro avviso non è ancora compromessa la possibilità di assistere a nuovi recuperi nel breve.

Segnali incoraggianti arriveranno in primis dalla riconquista di area 16.500, oltre la quale ci sarà spazio per un allungo verso i 16.700/16.800 e i 17.000 punti in seguito. Con il superamento di quest'ultimo livello sarà molto probabile un test dei recenti massimi di periodo in area 17.400, dove si andrà a misurare la forza dei compratori per valutare se ci saranno o meno le condizioni per ulteriori rialzi.
Fino a quando il Ftse Mib si manterrà al di sotto dei 16.500, bisognerà mettere in conto la possibilità di nuovo test di area 16.000.

Il cedimento di questa aprirà le porte a ripiegamenti verso i 15.500 punti, rotti i quali la discesa proseguirà in direzione dei minimi dell'anno in area 15.000. 
La struttura del mercato è ancora fragile e servono senza rialzisti più convincenti per poter pensare ad un'affidabile inversione di tendenza almeno di breve termine.

I market movers in America e in Europa

In chiusura di settimana sul fronte macro Usa si conosceranno i redditi personali che ad agosto dovrebbero mostrare una variazione positiva dello 0,2% rispetto allo 0,4% precedente, mentre le spese per consumi dovrebbero salire dello 0,2% contro lo 0,3% di luglio e l'indice PCE core rimanere invariato sulla parità.
Per l'indice Chicago PMI di settembre si prevede un rialzo da 51,5 a 52,5 punti, mentre il dato finale della fiducia Michigan, sempre riferito a settembre, dovrebbe attestarsi a 90 punti rispetto agli 89,8 dell'indicazione preliminare e della versione definitiva di agosto.
In Europa è previsto il dato preliminare dell'inflazione che dovrebbe salire dello 0,3% rispetto allo 0,1% precedente, mentre per la versione "core" si stima una variazione positiva dello 0,9%, invariata su base annua.

Per il tasso di disoccupazione ad agosto le attese sono per una riduzione dal 10,1% al 10%.
In Germania saranno diffuse le vendite al dettaglio che ad agosto sono viste in calo dello 0,4% rispetto al rialzo dell'1,7% precedente, mentre in Francia la spesa delle famiglie ad agosto dovrebbe salire dello 0,9% contro la flessione dello 0,2% precedente.

I titoli da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari diffonderanno i risultati del primo semestre Bastogi, ITWay, Mondo TV, Sintesi, Ambromobiliare, DigiTouch, Ecosuntek, Injnovatec, Methorios Capital, Rosetti Marino e Visibilia Editore.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento