-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 1 settembre 2016

Il rialzo di Unicredit fermato dal Fmi


Seduta positiva giovedi' per Unicredit che si avvia a terminare in area 2,30 euro, bene al di sotto dei massimi intraday di quota 2,416. A pesare sui mercati, non solo quello domestico, e sul comparto dei finanziari e' stata la notizia che il Fmi potrebbe rivedere al ribasso le stime sulla crescita globale per il 2016.
Secondo Christine Lagarde, responsabile del Fondo monetario internazionale, le prospettive economiche restano fragili per colpa della debolezza della domanda e della scarsa crescita del commercio e degli investimenti. Inoltre lo stesso Fmi punta il dito proprio sui titoli azionari delle banche italiane a causa dei crediti deteriorati, che nell'area euro rappresentano l'8% del Pil alla meta' del 2015.

A 2,35 euro Unicredit ha superato il picco del 21 luglio mentre a 2,41 circa i prezzi hanno incontrato il limite superiore del canale moderatamente rialzista disegnato dai minimi di luglio, resistenza che per ora ha tenuto. Solo l'interruzione al rialzo di questo canale, una porzione di grafico compresa tra due linee parallele, segnalerebbe l'interruzione della fase negativa in atto dai lontani massimi del 2015 facendo sperare in una correzione almeno dell'ultima porzione del ribasso, quella iniziata con il picco di marzo a 4,134 euro, con obiettivi a 3 euro e a 3,40 euro circa.

Resistenza intermedia a 2,514, lato alto del gap ribassista del 24 giugno. La mancata rottura di area 2,41 e la violazione di 2,258, top del 24 e 25 agosto, farebbero invece temere il test a 2,04 della linea che sale dai minimi di inizio agosto. Supporto successivo a 1,80, sulla base del canale citato che parte dai minimi di luglio.
(AM)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento