-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 23 settembre 2016

I titoli meno conosciuti: Cembre


Oggi nella rubrica I titoli meno conosciuti di Piazza Affari: Cembre
Cembre progetta, produce e distribuisce connettori elettrici ed accessori per cavo, settore nel quale ha raggiunto una posizione di leadership in Italia e ha conquistato importanti quote di mercato a livello europeo.
Cembre è tra i principali produttori mondiali di utensili (meccanici, pneumatici e oleodinamici) per l’installazione di connettori e per la tranciatura di cavi. I prodotti sviluppati per la connessione alla rotaia e per altre applicazioni ferroviarie sono stati adottati dalle principali società del settore in tutto il mondo.
Cembre ha saputo conquistare questi primati grazie alla ricerca continua di prodotti innovativi e di elevato standard qualitativo, alla gamma di prodotti vasta e completa, ad una rete distributiva capillare ed estesa sia in Italia sia all’estero.

Fondato a Brescia nel 1969, il Gruppo Cembre è oggi una realtà internazionale. Alla capogruppo con sede a Brescia si affiancano infatti sei società controllate: cinque commerciali (Germania, Francia, Spagna, Stati Uniti e Norvegia) e una produttiva e commerciale (Cembre Ltd, con sede a Birmingham), per un totale di 663 dipendenti (dato aggiornato al 30 giugno 2016).
Il Sistema di Gestione per la Qualità Cembre è certificato dal 1990 dal Lloyd’s Register Quality Assurance per la progettazione, produzione e commercializzazione di accessori per cavi, connettori elettrici e relativi utensili. Cembre è quotata alla Borsa Italiana dal 15 dicembre 1997 e dal 24 settembre 2001 al segmento Star. 
Cembre negli ultimi sei mesi ha ceduto 5 punti percentuali, ha ceduto il 7% in 1 anno, +72% in 5 anni e dal 2000 ad oggi +358%.

Il prezzo max degli ultimi due anni è 16.92 euro, quello minimo 10.21 euro. Al momento il titolo è a quota 13.10 euro.

Risultati primo semestre 2016

Nel primo semestre 2016 il Gruppo ha evidenziato ricavi consolidati pari a 62,7 milioni di euro, in calo dello 0,6% rispetto ai 63,0 milioni di euro del primo semestre 2015.
Le vendite semestrali del Gruppo in Italia, pari a 25,4 milioni di euro, sono aumentate dello 0,5%, mentre quelle estere, pari a 37,2 milioni di euro, sono diminuite dell’1,3%. Nei primi sei mesi dell’anno i ricavi delle vendite sono stati realizzati per il 40,6% in Italia (40,2% nel primo semestre 2015), per il 41,9% nella restante parte dell’Europa (41,7% nel primo semestre 2015) e per il 17,5% fuori dal continente europeo (18,1% nel primo semestre 2015).

Il risultato operativo lordo consolidato del primo semestre 2016, pari a 15,2 milioni di euro, corrispondenti al 24,3% dei ricavi delle vendite, è diminuito dello 0,3% rispetto a quello del primo semestre 2015, pari a 15,3 milioni di euro, corrispondente al 24,2% dei ricavi delle vendite. In diminuzione, nel semestre, l’incidenza del costo del venduto mentre è in crescita l’incidenza del costo del personale, a seguito dell’incremento di 34 persone del numero medio dei dipendenti del Gruppo passato da 625 a 659, di cui 21 persone relative a Cembre S.p.A..
L’aumento del numero dei dipendenti è legato al rafforzamento della struttura, soprattutto nell’area commerciale al fine di perseguire la politica espansiva delle vendite del Gruppo.

Il risultato operativo consolidato dei primi sei mesi del 2016, pari a 12,3 milioni di euro, corrispondenti ad un margine del 19,6% sui ricavi delle vendite, è diminuito dell’1,4%, rispetto ai 12,5 milioni di euro dei primi sei mesi dello scorso esercizio, pari al 19,8% dei ricavi. L’utile consolidato ante imposte, pari a 12,2 milioni di euro, corrispondente al 19,5% delle vendite, è sceso del 3,9% rispetto a quello del primo semestre 2015, pari a 12,7 milioni di euro e corrispondente al 20,1% delle vendite.

L’utile ante imposte risulta negativamente influenzato dalle differenze cambio, che nel primo semestre 2016 sono negative per 112 migliaia di euro mentre nel primo semestre 2015 erano positive per 207 migliaia di euro. L’utile netto di periodo è stato di 8,5 milioni di euro, in calo del 4,9%, rispetto ai 9,0 milioni di euro dello stesso periodo dello scorso anno.
L’incidenza percentuale dell’utile netto sul fatturato rappresenta quindi il 13,6% delle vendite, contro il 14,2% del primo semestre 2015. Gli investimenti effettuati nel periodo ammontano a 2,7 milioni di euro, principalmente in impianti e macchinari, a fronte di investimenti nello stesso periodo del 2015 pari a 2,9 milioni di euro.

La posizione finanziaria netta consolidata al 30 giugno 2016 risulta essere positiva per 14,5 milioni di euro, in miglioramento, rispetto al 30 giugno 2015, quando ammontava ad un valore positivo di 8,4 milioni di euro, mentre al 31 dicembre 2015 la posizione finanziaria era positiva per 17,8 milioni di euro.
Nel primo semestre 2016 sono stati pagati dividendi per 7,8 milioni, mentre nello stesso periodo del 2015 erano stati pagati dividendi per 6,1 milioni di euro.

Ultima news 16/09/2016

Banca Aletti ha tagliato il target price su Cembre a 14,0 euro da 16,0 euro. Il rating passa a “in line” da “outperform”.
Cembre S.p.A.

dispone nella sede di Brescia per uffici, stabilimento, magazzini, laboratorie servizi, di una superficie coperta di ca. 50.000 mq distribuita su vari piani, inserita in un’area di ca. 121.000 mq. Gli spazi a disposizione e la razionale organizzazione hanno reso possibile la realizzazione di ambienti di lavoro confortevoli in condizioni di sicurezza ed efficienza. Nel febbraio 1999 il Gruppo Cembre ha acquisito la società OELMA srl di S.Giuliano Milanese, presente da più di 60 anni nel settore materiale elettrico con applicazioni in campo industriale e civile; tale società è stata fusa per incorporazione in Cembre S.p.a.

dal 1° Gennaio 2002. GENERAL MARKING srl, costituita nel 2002, opera nel settore della siglatura industriale, producendo segnafili e prodotti per la marcatura di cavi e di componenti elettrici. tale società è stata fusa per incorporazione in Cembre S.p.a. dal 12 Dicembre 2012.
La società ha un catalogo di oltre 12.000 articoli.
Autore: Pasquale Ferraro Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento