-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 14 settembre 2016

Brexit fase 2. BanK of England si compra la Apple


Dopo la decisione da poco presa sul nuovo taglio ai tassi al livello record dello 0,25%, un nuovo piano di stimolo da parte della BOE, che acquisterà corporate bond per 18 mesi da settembre. Insomma: sembra che dopo la brexit, pare sia ora il momento della “bredirection”. Il regno Unito ha urgenza di riorientare la propria politica monetaria a sostegno dell'economia reale.
Anche a costo di decisioni drastiche.
Come quella da poco presa sul nuovo taglio ai tassi che ad agosto i banchieri centrali britannici hanno tagliato al livello record dello 0,25%, il più basso dalla fondazione dell'istituto nel 1694.

Le nuove misure

E adesso arriva la notizia che il debito di società come Apple, BMW e Mc'Donalds potrebbe essere acquistato dalla Bank of England alla fine di questo mese.
La BOE ha infatti diffuso una lista di imprese le cui emissioni potranno essere acquistate nell'ambito di un nuovo programma di stimolo.

Il programma avrà una durata di 18 mesi e coprirà emissioni obbligazionarie denominate in sterline.
Ci sono colossi come Apple, BMW, o AT&T. Ma soprattutto ci sono società inglesi come National Grid e Vodafone. In totale, vengono elencate dettaglio le emissioni obbligazionarie di circa 100 società che sono al momento candidate ad essere comprate a partire dal 27 settembre.

I parametri

Stando alle indicazioni della BOE, discriminante sarà per l'ingresso nel paniere dei prodotti finanziari potenzialmente soggetti all'acquisto “un contributo sostanziale all'economia del Regno Unito”.
Ma anche le società con sede fuori del territorio del Regno Unito, “che abbiano livelli d'impiego nell'ordine delle centinaia in territorio inglese e abbiano conseguito ricavi intorno ai 20 milioni di sterline” (pari a circa 23,5 milioni di euro) possono rientrare nel programma” ha spiegato la Banca centrale britannica in una nota diffusa a margine della lista.
In aggiunta, i bond devono ricevere una valutazione “investment grade” da parte di almeno una agenzia di rating, devono avere un valore nominale di almeno 100 milioni di sterline e devono giungere a maturazione nell'arco di un anno.

I target delle nuove misure

Con la nuova strategia di acquisto di corporate bond la BOE ha un obiettivo specifico: far scendere i rendimenti delle obbligazioni societarie denominate in sterline per incoraggiare il finanziamento alle imprese e dare un impulso all'economia.
Obiettivo che si inquadra in una più ampia strategia di stimolo messo in campo per evitare che la incerta economia britannica cada in una fase di recessione.
“L'acquisto di obbligazioni societarie” ha dichiarato il Governatore Mark Carney, “sosterrà l'economia reale direttamente, perché attraverso le nuove misure miglioreranno le condizioni finanziarie delle imprese”.

L'onda lunga del Leave e lo spettro della recessione

Quello della BOE è insomma un altro tassello della strategia volta a scongiurare le previsioni nefaste avanzate dagli analisti alla vigilia del voto referendario.

Che cioè una vittoria del “leave”“ avrebbe rappresentato un grosso salto all'indietro per l'economia inglese. Da qui ad agosto la decisione di abbassare i tassi allo 0,25% dal precedente 0,5%, il livello più basso mai raggiunto.
Il programma di acquisti di bond ha prodotto reazioni miste da parte di investitori e analisti, anche in considerazione della dimensione relativamente ristretta e della limitata influenza dei mercato dei bond denominati in sterlina.
Ma i detrattori paventano soprattuto un rischio: che le società possano non reinvestire i nuovi capitali, ma piuttosto usarli in operazioni di buyback o per distribuire dividendi.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento