-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 1 agosto 2016

Telecom Italia: arrivano ancora giudizi positivi dagli esperti


Tra le blue chips che oggi sono riuscite a scansare le vendite a Piazza Affari troviamo Telecom Italia che si è fermato appena sopra la parità. Dopo aver archiviato la sessione di venerdì scorso con un rialzo di quasi tre punti punti percentuali, quest'oggi il titolo è riuscito a mantenersi a galla, pur chiudendo a distanza dai massimi intraday segnati a 0,784 euro.
Il titolo si è fermato a 0,764 euro, con un frazionale rialzo dello 0,07% e quasi 89 milioni di azioni scambiate, al di sotto della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 114 milioni di pezzi.

Equita SIM taglia valutazione, ma resta buy sul titolo

Telecom Italia continua a mostrare una buona tenuta in Borsa sulla scia dei risultati diffusi la scorsa settimana che hanno evidenziato un primo semestre in crescita, accompagnato da una revisione al rialzo della guidance sull'Ebitda domestico per l'anno in corso.
A distanza di alcuni giorni dalla diffusione dei conti, definiti superiori alle attese, gli analisti di Equita SIM oggi hanno diffusa una nota su Telecom Italia, segnalando che i progressi evidenti della gestione e l’attenzione agli investimenti supportano il tema di investimento alimentato anche dal fatto che il titolo è il peggiore del settore, con una performance negativa del 36% nell'ultimo anno.
Prudentemente la SIM milanese recepisce nel modello la perdita di 200 milioni di euro di vendite entro il 2020, con un impatto sulla valutazione del titolo nell'ordine di 0,05 euro per azione, causa della sfida Enel Open Fiber benchè gli analisti continuino a vedere il piano come ambizioso soprattutto nei tempi.
Equita SIM ha inoltre formulato ipotesi più prudenti anche per il wireline retail, ma le stime di gruppo risultano lievemente incrementate per via di un miglioramento delle stime relative al Brasile.
Gli esperti analizzano inoltre la possibile minaccia Iliad che non avrà facilità nè per la leva prezzo, visto che l'Italia è uno dei mercati più promozionali d’Europa, nè per quella tecnologica, dal momento che TIM si sta dotando di una rete molto evoluta.
Gli analisti di Equita SIM calcolano che l'eventuale successo di Iliad costerebbe alla valutazione di Telecom Italia circa 8-9 centesimi di euro.

Questo non viene incluso nel prezzo obiettivo del titolo che è ridotto del 5% a 1,21 euro, per via dei prudenti interventi alle stime sul wireline domestico. Nessuna variazione alla strategia suggerita per il titolo che resta da acquistare.

Le strategie di Icbpi, Deutsche Bank e Bca Akros

Un'indicazione condivisa anche da Deutsche Bank che la scorsa settimana ha migliorato il target price di Telecom Italia da 1,16 a 1,19 euro.
La banca tedesca richiama l'attenzione sull'incremento della guidance relativa all'Ebitda domestico e sulla partenza incoraggiante da parte del nuovo CEO del gruppo.
A consigliare l'acquisto del titolo, con un fair value a 1,07 euro, è anche Icbpi, sulla scia dei conti diffusi da Telecom Italia che hanno superato nettamente le attese grazie alla forte crescita dell'Ebitda delle attività italiane.

Gli esperti segnalano inoltre che il miglioramento della guidance conferma la bontà delle iniziative intraprese dal management in un contesto di mercato che resta positivo nel segmento mobile.
Infine, a puntare sul titolo è anche Banca Akros che invita ad accumularlo in portafoglio, con un prezzo obiettivo a 1,15 euro, alla luce della trimestrale positiva e del primo upgrade della guidance.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento