-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 29 agosto 2016

Piazza affari: meglio non fidarsi. Rimandare lo shopping per ora


L'ultima seduta della scorsa settimana ha visto il ritorno degli acquisti sulle Borse europee che hanno chiuso gli scambi in positivo dopo il ribasso della giornata precedente. Il Ftse100 è salito dello 0,31%, preceduto dal Dax30 e dal Cac40 che si sono apprezzati rispettivamente dello 0,55% e dello 0,8%.
In luce verde anche la conclusione di Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib archiviare la sessione a 16.843 punti, con un progresso dello 0,8%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 16.86 e un minimo a 16.574 punti.


Positivo anche il bilancio settimanale visto che nelle ultime cinque sedute l'indice delle blue chips ha guadagnato il 3,27% rispetto al close del venerdì precedente.

Ftse Mib sempre in laterale: focus sulla resistenza a 17.000

Il Ftse Mib in avvio di settimana non è riuscito a superare l'area dei 16.500 punti ritornando verso i 16.300, da cui però si è sviluppato un recupero più convincente che ha portato le quotazioni ad un passo dall'area dei 17.000 punti.

L'avvicinamento di questa soglia ha prodotto un ritracciamento in direzione di area 16.500, con successivo rialzo verso i 16.850 in chiusura di settimana.
Il mercato conferma l'andamento laterale già mostrato nelle ottave precedenti, senza riuscire ad esprimersi una precisa direzionalità che non sia quella di un ritracciamento in avvicinamento della resistenza a 17.000 e di un recupero in prossimità di area 16.200/16.000, parte bassa del canale esplorato.
Come più volte segnalato nelle rubriche dei giorni scorsi, sarà solo con la rottura di uno di questi due estremi che il Ftse Mib potrà dare vita a movimenti direzionali in un verso o nell'altro.


Al rialzo oltre quota 17.000 ci sarà spazio per un test dei 17.200 punti, superati i quali il Ftse Mib punterà dapprima ai 17.500 punti e successivamente alla soglia psicologica dei 18.000 punti, con eventuali estensioni rialziste fin verso i 18.200 punti nella migliore delle ipotesi.
La mancata rottura di area 17.000 avrà l'effetto di riportare l'indice verso il basso, con un primo sostegno da monitorare in area 16.500.
Sotto questa soglia la discesa proseguirà verso i 16.300/16.200 punti, con successivo test di area 16.000. 
Molto importante sarà la tenuta di questo sostegno onde evitare approfondimenti ribassisti in direzione dei 15.500 punti prima e in seguito verso i minimi dell'anno in area 15.000.

I market movers in America e in Europa

Per la prima seduta della prossima settimana sul fronte macro Usa si segnalano i redditi personali che a luglio dovrebbero mostrare una variazione positiva dello 0,4% rispetto allo 0,2% precedente, mentre le spese per consumi dovrebbero mostrare un rialzo dello 0,3%, in frenata in confronto allo 0,4% di giugno.

L'indice PCE core è visto in positivo dello 0,1%.
In Europa non sono previsti dati macro di rilievo e si guarderà solo all'Italia dove si conoscerà l'indice relativo alla fiducia dei consumatori che ad agosto è visto in calo da 111,3 a 110,5 punti, mentre l'indice della fiducia delle imprese dovrebbe scendere da 103 a 102,8 punti.

I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari saranno diffusi i risultati del primo semestre di Exor e allo stesso appuntamento saranno chiamati Aeroporto di Bologna, Best Union Company, Caleffi, Eurotech, IMMSI, IVS Group, LVenture Group e Trevi Group.


Da segnalare che in avvio di settimana prenderà il via, per concludersi il 30 settembre, l'OPA lanciata da HeilderbergCement France su Italcementi. 
Da seguire infine l'asta dei BOT con scadenze a sei mesi per un ammontare pari a 6 miliardi di euro.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento