-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 9 agosto 2016

ENI: rumors su vendita quota campo Mozambico ad Exxon

Buon avvio di settimana per Generali che, dopo aver messo a segno un rally del 4% venerdì scorso, ha allungato ulteriormente il passo oggi. Il titolo si è fermato a 11,96 euro, con un progresso del 2,05% e quasi 8 milioni di azioni scambiate, al di sotto della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 9,7 milioni di pezzi.

Generali quest'oggi è riuscito a fare meglio dell'indice di riferimento, sostenuto anche dal giudizio bullish di Mediobanca Securities. Gli analisti di quest'ultima ritengono che il titolo sia destinato a sovraperformare il mercato, con un prezzo obiettivo a 13,5 euro. Una view confermato dopo che la compagnia triestina ha consegnato un buon set di risultati con riferimento al secondo trimestre di quest'anno.
Secondo quanto riferito da Reuters, Eni avrebbe concluso un accordo di vendita a Exxon Mobil di una quota della sua partecipazione nell’Area 4 nel bacino di Rovuma in Mozambico. 
L’accordo sarebbe stato siglato ma non sarà annunciato prima di diversi mesi su richiesta del gruppo americano, stando a quanto riportato dall'agenzia di stampa.
L’accordo assegnerebbe a Exxon Mobil il ruolo di operatore nello sviluppo dell’impianto onshore di LNG, mentre Eni manterrà il controllo dei giacimenti di gas Area 4 che alimenteranno l’impianto.
Il giacimento di Eni al largo del Mozambico è enorme, per cui è necessario costruire un gigantesco impianto a terra di esportazione di gas naturale liquefatto per un investimento di circa 15-20 miliardi di dollari.
Gli analisti di Equita SIM ricordano che attualmente ENI è l’operatore con una partecipazione del 50% nell’Area 4, ma di recente l’AD Claudio Descalzi ha aperto alla possibilità di vendere fino al 25% della suddetta area.
La SIM milanese ritiene che la cessione di una quota di partecipazione del campo in Mozambico, oltre che il passaggio del ruolo di operatore, siano un catalizzatore positivo per il titolo.


ENI ha un piano ambizioso di disinvestimenti nel 2016-17 pari a 5 miliardi di euro e nel caso vendesse una stake a Exxon del 20% nell’area 4, incluso Coral, la valutazione degli analisti eÌ€ pari a 1,7 miliardi di euro. 
Inoltre il gruppo americano ha un buon track record di sviluppo di impianti LNG, per cui la notizia, se confermata, ha risvolti positivi per il titolo ENI.
Su quest'ultimo gli analisti mantengono una view bullish con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 15,5 euro. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento