-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 9 agosto 2016

Borse Ue ancora in rialzo. Banche in salita ma non tutte


Anche la seduta odierna si è conclusa in positivo per la piazza azionaria giapponese che ha visto il Nikkei 225 terminare gli scambi in rialzo dello 0,69%. Il mercato sembra beneficiare ancora delle positive indicazioni arrivate dall'occupazione Usa venerdì scorso, mentre sul versante valutario questa mattina si registra un lieve apprezzamento dello yen nei confronti del dollaro, anche se ciò non ha frenato lo shopping in Borsa.
La chiusura debole di ieri a Wall Street ha portato ad un'apertura poco mossa per le Borse europee che in seguito si sono rafforzate, presentandosi tutte in territorio positivo.

Il Ftse100 sale dello 0,35%, preceduto dal Cac40 e dal Dax30 che avanzano rispettivamente dello 0,47% e dello 0,56%.
In Germania è stato diffuso il dato relativo alla bilancia commerciale che a giugno ha mostrato un saldo positivo di 21,7 miliardi di euro, in frenata rispetto ai 22,2 miliardi di maggio, ma oltre le previsioni fissate a 17,5 miliardi.

Sempre in Germania a giugno le importazioni sono salite dell'1% rispetto alla stima di un incremento dello 0,6%, mentre le esportazioni hanno riportato una variazione positiva delo 0,3%, al di sotto delle previsioni che indicavano un aumento dell'1,1%.
In rialzo anche Piazza Affari dove il Ftse Mib si spinge in direzione dei 16.850 punti, con un vantaggio dello 0,59%.


Tra le blue chips che non partecipano al rialzo del mercato troviamo A2A che cala dello 0,87%, insieme a Telecom Italia che flette dello 0,91%, mentre Mediaset cala dello 0,37%, segnalando che il presidente di Fininvest, Marina Berlusconi, ha dichiarato che la holding è più forte dopo la cessione del Milan, anche nell'affrontare la sfida con Vivendi.
Sotto i riflettori i titoli del settore bancario dopo che Atlante 2 ha raccolto adesioni per un importo pari a 1,715 miliardi di euro, superando la soglia minima per l'avvio delle attività.


Tra i titoli del comparto scendono in controtendenza Banca Popolare di Milano e Banco Popolare con un calo rispettivamente dell'1,1% e dello 0,08%, mentre Intesa Sanpaolo e Ubi Banca crescono dello 0,72% e dell'1,01%.
In rialzo dell'1,5% Unicredit che beneficia della promozione arrivata da Jp Morgan, i cui analisti hanno modificato la strategia sul titolo da "underweight" a "neutral", con un prezzo obiettivo alzato da 2,1 a 2,3 euro.

Bene anche Mediobanca che guadagna l'1,81% dopo che Banca IMI ha cambiato il rating da "add" a "buy", con un target price rivisto da 8 a 10,5 euro. 
Ad avere la meglio tra i bancari sono Banca Popolare dell'Emilia Romagna e Banca Monte Paschi che crescono rispettivamente del 2,61% e del 4,32%.
In positivo dello 0,84% Generali sulla scia dei rumors secondo cui Bollorè avrebbe intenzione di stringere il controllo su Mediobanca per prendere quello di Generali, favorendo una fusione di quest'ultima in Axa, ma un'operazione di questo tipo secondo gli analisti incontrerebbe numerosi vincoli.  
Sul fronte macro Usa si segnala l'indice settimanale Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene Usa.

Per il dato preliminare relativo alla produttività non agricola del secondo trimestre di prevede una variazione positiva dello 0,9%, in netto recupero rispetto al calo dello 0,6% dei primi tre mesi dell'anno, mentre il costo unitario del lavoro nel secondo trimestre è visto in positivo dell'1,9%, in frenata in confronto al rialzo del 4,5% del primo trimestre.
In agenda anche le scorte all'ingrosso che a giugno dovrebbero mostrare un rialzo dello 0,2% rispetto allo 0,1% precedente.
A mercati chiusi saranno diffusi i risultati degli ultimi tre mesi di Walt-Disney dai quali ci si attende un utile per azione pari a 1,61 dollari.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento