-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 9 agosto 2016

Barclays: c'è un'azione con un interessante punto di ingresso


Tutti lo conoscono come uno dei più grandi investitori al modo, l'uomo le cui frasi diventano regole sui mercati e che ha come religione l'investimento a lungo termine, la fiducia nei fondamentali e la semplicità come punto di riferimento. In ogni cosa.

L'oracolo di Omaha

Ovviamente si sta parlando di Warren Buffett ovvero colui che nel 1962 comprò una semisconosciuta azienda operante nel settore del tessile, Berkshire Hathaway, e ne ha ampliato il raggio d'azione sul settore assicurativo, prima, e finanziario in generale poi, creando quella che ad oggi è una delle più grandi holding a livello mondiale oltre che la società che può vantare l'azione più costosa al mondo (172.150 nella classifica ad hoc del 2015).
Una particolarità a tutti nota è la passione di Buffett per i dividendi, ma, si badi bene, solo nel riceverli perché la sua Berkshire Hathaway, non solo non ha intenzione di pagare cedole ai suoi azionisti nel presente ma nemmeno nel futuro; la motivazione sarebbe il fatto che gli stessi capitali secondo la view del suo leader, sarebbero più proficui se reinvestiti in altri progetti.

L'ottimismo di Barclays

Tutto questo non ha però impedito a Jay Gelb, analista di Barclays, di guardare proprio alla Berkshire come occasione per un eventuale acquisto.
"Le azioni Berkshire offrono un interessante punto di ingresso", ha detto recentemente sottolineato.
La multinazionale operante nel settore dei servizi, delle ferrovie, della vendita al dettaglio, delle costruzioni, delle assicurazioni e, ovviamente dei servizi finanziari è famosa anche per il suo portafoglio investimenti particolarmente ampio e altrettanto fruttifero.
Gelb ha ribadito il suo rating "overweight" sul titolo che, viste le ramificazioni in ogni ambito della produttività e la sua esposizione in ogni settore, è praticamente una scommessa sull'economia statunitense.
Secondo la sua opinione, infatti, Berkshire è ben posizionata per beneficiare in ultima analisi, di un miglioramento della situazione sul fronte delle assicurazioni nel momento esatto in cui l'economia statunitense dovesse riprendere quota, anche se il 2016 sul settore dei trasporti ferroviari, già denota una prospettiva in calo mentre per gli alimentari, altro settore caro a Buffett, il contributo atteso da Kraft Heinz fino al 2016 è presumibilmente modesto a causa degli oneri di ristrutturazione.

La view degli analisti

La Berkshire negli ultimi anni ha ampliato la sua presenza sulle aziende non legate specificatamente al settore assicurativo, infatti, adesso, proprio le aziende non assicurative costituiscono il 77% del risultato operativo del 2015 mentre poco meno di 10 anni fa, nel 2006 non arrivavano al 43%.

Per questo Gelb parla di una sorta di termometro dell'economia Usa. Cifre alla mano per l'analista le stime sull'EPS delle azioni (7.09/7,55) potrebbero notevolmente migliorare “qualora l'azienda dovesse completare le acquisizioni le acquisizioni prospettate, operazioni che, di solito, permettono di generare utili migliori rispetto al tenere i fondi fermi in contanti"
Venerdì scorso, la Berkshire Hathaway ha rese note le sue trimestrali con un aumento dei profitti netti del 25%, dell'utile operativo a +18% e dei ricavi a +6%.
La view degli analisti, citati da Sam Ro, vede il rating di Gelb su overweight con un target price che per le azioni A arriva a 249.000 dollari e per le B è di 166.

Ottimista anche Ubs che ha ribadito il suo rating "buy" alzando al contempo anche il target per le azioni A arrivate a 245.500 dal precedente livello di 244.500 anche se, sono state ridotte le stime sull'utile 2016-2017 rispettivamente a 11.234 (invece del precedente 11.536) e 12.489 (rispetto a 12.936) proprio a causa della debolezza del settore ferroviario e del commercio al dettaglio.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento