-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 28 luglio 2016

Scelte di gestione post Brexit

Dal 24 giugno, giorno dei risultati del Referendum britannico, il comparto Pharus Sicav Absolute ha registrato una performance positiva del 2,12%, portando il risultato YTD a + 3,80% (dati aggiornati al 15 luglio 2016). Le ottime performance sono accompagnate da una volatilità estremante contenuta soprattutto se confrontate con il mercato europeo, il quale, nei giorni vicini al voto britannico ha registrato picchi di volatilità simili a quelli visti nell’agosto dell’anno scorso.
Decisioni Gestionali post Brexit
  • Utilities Regolate
Il buon andamento di Pharus Sicav Absolute è stato supportato dalle ottime performance del basket di utilities regolate(+9.82%), soprattutto se confrontate con il mercato azionario europeo (-6.35%). Abbiamo deciso quindi di ridurre l’esposizione a questo settore e in particolare di prendere profitto su quelle del mercato americano.
 
  • Azioni aurifere
Abbiamo deciso di cominciare a prendere profitto sui titoli legati all’oro, dopo che la commodity ha proseguito il suo forte rally nei giorni di incertezza della Brexit.
Dal lato degli acquisti troviamo che il mercato ci stia offrendo delle buone opportunità di ingresso:
  • Finanziari
Tra i settori più deboli del 2016 troviamo sicuramente i titoli finanziari e in particolare quelli italiani. I timori sulla solidità del settore bancario europeo si sono acutizzati nei giorni successivi alla Brexit. Con questa ulteriore correzione i titoli del settore finanziario hanno raggiunto livelli valutativi estremamente interessanti. Sulla debolezza, abbiamo quindi deciso di cominciare a prendere esposizione al settore dopo averlo sotto-pesato durante la prima parte dell’anno. Tra i titoli interessanti abbiamo individuato l’azione Intesa Risparmio che offre una redditività del dividendo, in termini percentuali, più alta rispetto alle azioni ordinarie.
  • Paesi Emergenti
Ribadiamo la nostra positività sui mercati emergenti sui quali abbiamo aumentato l’esposizione, dato che la Brexit ha quasi del tutto eliminato la prospettiva di un rialzo dei tassi da parte della Fed nel 2016. Non sono solo le previsioni di una politica monetaria attendista negli Stati Uniti a favorire i Paesi Emergenti ma anche una ritrovata stabilità cinese e le buone performance delle commodity. Non solo, alcuni paesi stanno pianificando riforme strutturali concrete per sostenere l’economia, incrementando per esempio, la spesa pubblica.
  • Governativi
Sulla parte obbligazionaria, abbiamo deciso di prendere profitto sul Bund dopo le ottime performance viste a fine giugno.


Fonte: www.finanzaoperativa.com

Nessun commento:

Posta un commento