-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 29 luglio 2016

Generali: i conti sorprendono e gli analisti restano bullish


Un finale di settimana tutto in salita per Generali che, dopo aver ceduto quasi tre punti percentuale nella seduta di ieri, avanza con decisione oggi, conquistando il podio tra le blue chips. Dopo un avvio già in salita il titolo ha allungato progressivamente il passo, presentandosi negli ultimi minuti a 11,91 euro, con un rally dell'8,37% e volumi di scambio vivaci visto che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 13 milioni di azioni, già al di sopra della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 9,4 milioni di pezzi.
La corsa allo shopping sul titolo viene scatenata dalla diffusione dei risultati del primo semestre di quest'anno, avvenuta questa mattina prima dell'apertura di Piazza Affari.

I risultati del primo semestre del gruppo

Il gruppo ha chiuso la prima metà del 2016 con un utile netto in calo del 9,9% a 1,18 miliardi di euro, esclusa la quota di terzi, battendo comunque le attese degli analisti che puntava ad un dato pari a 1,12 miliardi.


Il risultato operativo è sceso del 10,5% da 2,78 a 2,49 miliardi di euro, superando anche in questo caso le previsioni del consensus fissate a 2,3 miliardi di euro.
I premi lordi complessivi sono scesi del 2,1% a 37 miliardi di euro, a fronte della stima di un dato pari a 37,45 miliardi di euro.
Nel segmento Vita la raccolta netta è stata superiore a 7,5 miliardi di euro con un calo del 7,3%, mentre i premi sono scesi del 3,5% a 25,8 miliardi. 
Nel ramo Danni invece i prezzi sono cresciuti dell'1,3% a 11,1 miliardi di euro, mentre il risultato operativo del segmento segna una flessione del 5,6% a 1,042 miliardi di euro.
Alla fine del primo semestre il patrimonio netto della compagnia triestina è pari a 24,56 miliardi di euro, in rialzo del 4,3% rispetto a fine 2015, mentre l'Economic Solvency Ratio, che misura la solidità patrimoniale, si è attestato al 188%, in riduzione rispetto al 202% di inizio anno e il Regulatory Solvency Ratio è passato dal 171% al 161%.


Il managenet quest'anno, malgrado il difficile contesto e l'elevata volatilità dei mercati finanziari, prevede di migliorare la remunerazione degli azionisti, in coerenza con il piano strategico già presentato al mercato.

I commenti e le strategie di varie banche d'affari

Gli analisti di Equita SIM, con riferimento ai conti di Generali, parlano di risultati migliori delle attese grazie ad un operativo danni superiore alle aspettative, da ricondurre al combined ratio e al maggior rendimento della gestione finanziaria.

Il combined ratio ha battuto le stime malgrado un peso delle catastrofi più alto del previsto che hanno inciso in particolare su Germania e Francia.
Bene il risultato operativo Vita grazie ad una sorpresa su tutti i driver, in grado di compensare un utile operativo leggermente inferiore nel segmento holding, minori utili sulla finanzia non operativa e il tax rate al 32% contro il 31% precedente.

Gli analisti di Equita SIM confermano in ogni caso una view neutrale sul titolo, con una raccomandazione "hold" e un prezzo obiettivo a 16,2 euro.
Una promozione per Generali è arrivata da Hammer Partners che ha migliorato il giudizio da "sell" a "buy", con un target price a 16,2 euro, sulla scia dei solidi risultati trimestrali e della valutazione interessante del titolo.   
A puntare sul titolo è anche UBS che ribadisce la raccomandazione "buy" con un fair value a 13,7 euro, dopo che gli analisti hanno definito superiori alle attese i conti di Generali che, a loro dire, si sta muovendo nella giusta direzione.
Indicazioni positive anche da Kepler Cheuvreux che mantiene invariato il rating "buy", con un prezzo obiettivo a 13,3 euro.

Il broker parla di risultati forti e di messaggi fiduciosi, segnalando che tutte le divisioni hanno registrato risultati operativi di alta qualità.
Non diverso il giudizio di Banca IMI che definisce i numeri di Generali molto solidi, riflesso anche di una maggiore qualità, confermando così la raccomandazione "buy" sul titolo, con un target price a 16,2 euro. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento