-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 25 luglio 2016

Borse: settimana dominata da Banche Centrali e tanto altro


La settimana che parte oggi vede due importanti appuntamenti con le Banche Centrali, visto che mercoledì è atteso il verdetto della Fed, mentre venerdì toccherà alla Bank of Japan. 
Gli analisti di Cassa Lombarda segnalano che gli investitori attendono maggiore chiarezza dalla Banca Centrale americana dopo che le aspettative di un nuovo rialzo dei tassi sono scese sensibilmente nel post-Brexit.
In agenda troviamo anche numerosi dati macro e trimestrali societarie che potranno condizionare l'andamento dei mercati azionari, fino ad arrivare alla diffusione dei risultati degli stress test sulle banche europee, in agenda venerdì alle ore 22.

I market movers in America

Per domani sul fronte macro Usa oltre all'indice settimanale Redbook sarà diffuso l'indice S&P Case-Shiller che misura i prezzi delle case nelle 20 maggiori città Usa e per il quale con riferimento al mese di maggio si prevede un rialzo del 5,4% su base annua, in linea con la lettura precedente.

In calendario anche l'indice PMI non manifatturiero di Markit, mentre l'indice relativo alla fiducia dei consumatori a luglio dovrebbe calare da 98 a 95,5 punti e le vendite di case nuove a giugno salire da 551mila a 560mila unità.
Prima dell'avvio degli scambi saranno diffusi i risultati del secondo trimestre di 3M e di DuPont, con un eps atteso rispettivamente a 2,07 e a 1,1 dollari, mentre per i conti di Caterpillar e di McDonald's si stima un utile per azione di 0,96 e di 1,32 dollari, e per Verizon le attese parlano di un eps a 0,92 dollari.
A mercati chiusi l'attenzione si sposterà sulle trimestrali di Apple e di Twitter che per non deludere le attese dovranno centrare l'obiettivo di un utile per azione pari rispettivamente a 1,38 e a 0,1 dollari.
Mercoledì sarà reso noto l'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari e ancor più rilevante sarà l'aggiornamento sul dato preliminare degli ordini di beni durevoli che a giugno dovrebbero mostrare una variazione negativa dell'1,5%, in recupero rispetto al calo del 2,3% precedente, mentre al netto della componente trasporti le stime parlano di un rialzo dello 0,2% contro la flessione dello 0,3% precedente.
Per l'indice home pending sales, relativo cioè alle vendite di case con contratti in corso, a giugno si stima un rialzo dell'1,1% rispetto alla contrazione del 3,7% precedente.


Nel pomeriggio sarà diffuso il consueto report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell'energia.
Due ore prima della chiusura di Wall Street la Fed annuncerà la sua decisione sui tassi di interesse, destinati a rimanere fermi nel range 0,25%-0,5%.
Si seguirà con attenzione il comunicato che accompagnerà l'annuncio ufficiale per vedere se ci saranno elementi utili a capire quale sarà la tempistica relativa alla prossima stretta monetaria.
Prima dell'avvio degli scambi saranno resi noti i risultati trimestrali di Boeing e di Coca-Cola che dovrebbero consegnare un utile per azione pari rispettivamente a 2,22 e a 0,58 dollari.


A mercati chiusi saranno diffusi i conti di Groupon che dovrebbe consegnare una perdita per azione di 0,02 dollari, mentre da Facebook ci si attende un utile per azione pari a 0,81 dollari.  
Giovedì i riflettori saranno puntati sulle nuove richieste di sussidi di disoccupazione che dovrebbero salire da 253mila a 260mila unità.

Sul versante societario da seguire i conti di Colgate-Palmolive e di Celgene che dovrebbero riportare un utile per azione di 0,69 e di 1,38 dollari, mentre per le trimestrali di Ford Motor e di Mastercard si stima un eps di 0,6 e di 0,9 dollari. 
A mercati chiusi saranno resi noti i risultati trimestrali di Amazon.com per i quali si prevede un utile per azione pari a 1,11 dollari.
In chiusura di settimana sarà diffusa la seconda lettura del PIL del secondo trimestre che dovrebbe mostrare un rialzo del 2,6% rispetto all'1,1% precedente.


Per l'indice Chicago PMI di luglio si prevede un calo da 56,8 a 54,6 punti, mentre il dato finale della fiducia Michigan a luglio dovrebbe attestarsi a 93,7 punti, in crescita rispetto agli 89,5 della versione definitiva di giugno.
In agenda un discorso di John Williams, presidente della Fed di San Francisco, ma a prendere la parola sarà anche Robert Kaplan, a capo della Fed di Dallas.
Sul fronte societario da seguire le trimestrali di UPS e di Xerox Corp., dai quali ci si attende un eps di 1,43 e di 0,25 dollari.

In calendario anche i conti di Exxon Mobil e di Chevron che dovrebbero riportare un utile per azione rispettivamente di 0,64 e di 0,32 dollari.

I dati macro e gli eventi in Europa

In Europa per domani sono previsti aggiornamenti macro di rilievo, mentre mercoledì si guarderà alla Germania dove saranno diffusi i prezzi importo di giugno che su base annua dovrebbero mostrare un calo del 4,6% rispetto alla flessione del 5,5% precedente.
Sempre in terra tedesca l'indice relativo alla fiducia dei consumatori ad agosto dovrebbe calare da 10,1 a 9,9 punti e lo stesso dato in Francia è atteso in flessione da 97 a 95 punti.
Giovedì in Europa sarà diffuso l'indice relativo alla fiducia economica che a luglio è visto in calo da 104,4 a 103,5 punti, mentre quello relativo alla fiducia delle imprese dovrebbe passare da -2,8 a-3,5 punti e l'indice relativo alla fiducia dei servizi scendere da 10,8 a 10,4 punti.
Per l'indice della fiducia dei consumatori a luglio è attesa una rilevazione a -7,9 punti, in peggioramento rispetto ai -7,3 di giugno.


In Germania è atteso il tasso di disoccupazione che a luglio dovrebbe rimanere invariato al 6,1%, mentre per l'inflazione preliminare, sempre a luglio, si stima una variazione positiva dello 0,3% rispetto allo 0,1% precedente.
Venerdì si conoscerà la stima preliminare del PIL del secondo trimestre visto in positivo dello 0,3% ma in frenata rispetto allo 0,6% precedente.
Per l'inflazione preliminare di luglio si parla di un rialzo dello 0,1% rispetto allo 0,2% precedente, mentre la versione "core" dovrebbe mostrare un rialzo dello 0,9% su base annua. Il tasso di disoccupazione a giugno dovrebbe rimanere invariato al 10,1%.
In Francia sarà diffuso il dato preliminare del PIL del secondo trimestre che dovrebbe salire dello 0,2% rispetto allo 0,6% dei tre mesi precedente, mentre le vendite al dettaglio in Germania a giugno sono attese sulla parità, in frenata rispetto alla crescita dello 0,9% precedente.
Sempre venerdì DBRS aggiornerà il rating sulla Germania, mentre Fitch quello sulla Spagna.  
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento