-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 26 luglio 2016

Banche in ripiegamento, ma intanto Atlante 2 riceve il supporto delle casse


Seduta decisamente difficile per il comparto bancario italiano ed europeo. L'indice di settore Ftse Italia Banche segna un calo del 2,97% che pesa su tutto il listino, ma anche l'indice europeo Euro Stoxx Banks cede il 2,24% a conferma di una giornata pesante per il credito del Vecchio Continente.

A Piazza Affari si segnala il ritorno alle contrattazioni dopo un ingresso in asta di volatilità di Mps che cede ancora al mercato il 7,07% mentre entra in asta alle 10:19 con un contratto da 3,25 euro per titolo l'azione diBper *(teorico -5,44%). In rosso anche *Creval *(-4,97% dopo una sospensione) e Unicredit che cede il 4,10 per cento.

Le vendite prevalgono anche su *Bpm *(-3,83%), *Banco Popolare *(-3,18%), *Ubi Banca *(-1,96%) e *Intesa *(-1,88%). Limita i danni a un -0,71% il titolo di *Fineco
.
Prevale dunque un sentiment negativo dei mercati sul settore, che in tutta Europa registra tensioni in attesa dei risultati degli stress test che saranno pubblicati venerdì a mercato chiuso.
Nel frattempo un segnale di supporto al mondo del credito italiano è giunto dall'assemblea dell'Adepp, l'Associazione degli Enti Previdenziali Privati, che in una nota di ieri sera ha sottolineato "l'importanza di investire a sostegno del sistema Paese nel quale i professionisti operano e valuta con la massima attenzione l'investimento in Atlante2".
"Considerata la priorità del ruolo dei cda ? ha sottolineato il comunicato dell'associazione guidata da presidente Alberto Oliveti - del rispetto delle asset allocation e delle procedure nelle proprie politiche di investimento, nell'attesa di ricevere le proposte tecniche per le necessarie valutazioni sui rischi e sul rendimento nonché le formali direttive da parte dei ministeri vigilanti in materia di investimenti, [l'assemblea] delibera di sostenere l'iniziativa Atlante 2.
In altri termini, le casse sono disposte a investire nel nuovo veicolo che dovrebbe rilevare i crediti deteriorati delle banche in crisi, a partire da MPS.
Secondo quanto riportato da MF, l'apporto delle casse e in particolare di Enpam (medici), Enasarco (agenti e rappresentanti di commercio) e Cassa Forense, sarebbe di circa 500 milioni di euro.
(GD)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento