-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 30 giugno 2016

Wall Street tonica con brio, pericoli messi da parte?


Seconda seduta consecutiva in netto rialzo sulla piazza azionaria di Wall Street. Dopo il rimbalzo della vigilia, anche nella sessione odierna a prevalere nettamente sono stati infatti gli acquisti al Nyse come al Nasdaq grazie ad un mix di fattori.
In particolare, il mercato ha beneficiato, tra l'altro, del dato sullescorte settimanali di petrolio che si è attestato ben al di sotto delle attese. 

Azionario USA, chiusura indici e petrolio oggi mercoledì 29 giugno 2016

Nel dettaglio, il Dow Jones ha chiuso a 17.694,68 (+1.64%) con a ruota l'S&P500, +1,70% a 2.070,75, mentre il Nasdaq ha fatto ancora meglio con un +1,86% a 4.779,25.

I dati sulle scorte settimanali di greggio negli Usa hanno inoltre spinto al rialzo le quotazioni del petrolio con il Brent che, in particolare, è tornato a superare la soglia dei50 dollari al barile chiudendo a $ 50,10 (+3,13%). 

Dow Jones, Nike: i brokers tagliano il prezzo obiettivo  

Nonostante una trimestrale con luci ed ombre, sul Down Jones Nike Ã¨ stato uno dei titoli più acquistati della seduta.
Nel dettaglio, le azioni hanno chiuso con un rialzo del 3,84% a $ 55,13 dopo un avvio volatile. Le principali case di brokeraggio, dopo l'uscita dei dati relativi al quarto trimestre fiscale, hanno mantenuto la view positiva su Nike andando però a tagliare in alcuni casi il prezzo obiettivo.

In particolare, Jefferies ha reiterato il 'buy' su Nike con prezzo obiettivo rivisto a 65 dollari per azione rispetto al precedente target fissato a $ 67. Lo stesso ha fatto Stifel, con un rating di 'buy' e target a $ 68 dai precedenti 73 dollari, mentre il Credit Suisse, ora con un target a $ 63 dai precedenti 68 dollari per azione, mantiene su Nike un rating di 'outperform'.
 

Dati macroeconomici 30 giugno 2016, attenzione ai sussidi di disoccupazione

Per quel che riguarda gli altri dati macro di giornata, l'indicatore sulle spese personali, fornito dal Dipartimento per il Commercio, a maggio 2016 è cresciuto dello 0,4%, in linea con le attese, mentre quello sui redditi personali Ã¨ aumentato nello stesso mese dello 0,2% rispetto ad una previsione di consenso posizionata a +0,3%.

Per domani, prima dell'apertura dei mercati USA, è atteso il dato settimanale sui sussidi di disoccupazione al 25 giugno, e poi il Chicago PMI ed il dato sulle scorte settimanali di gas naturale.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento