-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 28 giugno 2016

Wall Street danza sui supporti, le cinture restano allacciate


E' iniziata all'insegna delle vendite l'ottava di scambi sulla piazza di Wall Street. Dopo lo storno di venerdì scorso, a seguito dell'esito choc del referendum sulla Brexit nel Regno Unito, anche oggi i listini sono stati bersagliati dagli ordini in vendita con ilistini principali che, tra l'altro, hanno rotto al ribasso nell'intraday importanti supporti psicologici.

Dow Jones, quota 17000 a rischio?

Se giovedì sera il Dow Jones aveva superato quota 18 mila punti, con il ribasso odierno, pari all'1,50%, ora è a rischio pure quota 17 mila visto che l'indice è stato fotografato al close a 17.140,24.

Sul filo dei 2.000 punti l'ampio indice S&P500 che lascia sul parterre l'1,81% a 2000,54 dopo un minimo intraday a 1991,68. 

Crollano i produttori di dischi rigidi

In netto rosso anche il Nasdaq che chiude a 4.594,44 (-2,41%) zavorrato dalle perdite sui big della tecnologia, da Microsoft Corporation, -2,81% a 48,43, a Facebook, -2,77% a $ 108,97, e passando per Netflix, -3,53% a $ 85,32.
Pesante pure il settore del data storage a partire da Seagate Technology, -9,89% a $ 20,87, ed a ruota Western Digital, -11,83% a $ 42,18.  

Bene Johnson & Johnson e Verizon tra le Blue Chips

La discesa degli indici è stata guidata anche dal calo dei titoli bancari e finanziari a partire da Bank of America che ha lasciato sul parterre il 6,31% a $ 12,18.

Tutti in lettera sul Dow Jones chiudono anche American Express, -3,98% a $ 57,67, eJPMorgan Chase,  -3,34% a $ 57,61. Tra i 30 titoli del paniere, solo due sono sfuggiti oggi ai ribassi: Johnson & Johnson, +0,80% a $ 116,55, e Verizon Communications, +0,57% a $ 54,74.

Lettera sugli energetici 

Male pure i titoli energetici, da ConocoPhillips, -5,54% a $ 40,78 ad Anadarko Petroleum, -6,30% a $ 49,50 e passando per le azioni della Exxon Mobil, -0,59% a $ 88,86, in una seduta caratterizzata da un'altra discesa per i prezzi del petrolio.

Il Brent chiude infatti a $ 47,5 (-1,88%) allontanandosi ulteriormente dalla soglia dei $ 50 al barile superata nei giorni scorsi prima del venerdì nero post-Brexit.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento