-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 16 giugno 2016

Wall Street, caos calmo sui tassi: scenari su azioni ed economia


In linea con l'andamento della vigilia, anche nella sessione odierna di scambi la piazza azionaria di Wall Street ha archiviato la seduta in moderato territorio negativo in una giornata caratterizzata dalle attese sulla decisione della Fed sui tassi di interesse. Il Dow Jones ha chiuso a 17.640,17 (-0,20%), S&P 500 a 2.071,50 (-0,18%) e Nasdaq a 4.834,93 (-0,18%).
Rispetto ai massimi relativi dello scorso 8 giugno, quindi, i principali indici azionari USA si confermano in palese fase calante.        

Federal Reserve, nessuna variazione alla politica monetaria

A conclusione del Fomc, il Federal Open Market Committee, la Federal Reserve in linea con le attese non ha apportato variazioni alla propria politica monetaria.

La Banca centrale USA ha infatti deciso di mantenere invariati i tassi di interesse all'interno della forchetta dello 0,25%-0,50% per la quarta volta di fila. Nessun colpo di scena, quindi, considerando i dati altalenanti sull'economia americana delle ultime settimane, e le tensioni legate, nel Vecchio Continente, al tanto atteso esito delreferendum sulla 'Brexit'. 

La Fed monitorerà con attenzione l'andamento dell'economia internazionale

Non a caso la Fed ha fatto presente, tra l'altro, che continuerà a monitorare con attenzione l'andamento dell'economia a livello internazionale.

L'ultima stretta monetaria della Fed in ordine di tempo resta quindi quella dello scorso 16 dicembre del 2015 quando la banda di oscillazione del costo del denaro fu innalzata di un quarto di punto da 0-0,25%, livello di minimo storico che resisteva dal mese di dicembre del 2008, all'attuale 0,25%-0,50%

Crescita economia USA rivista al ribasso

Da parte della Banca centrale USA sono state inoltre riviste leggermente al ribasso le stime di crescita dell'economia a stelle e strisce che dovrebbe far registrare una crescita del 2% nel triennio 2016-2018 rispetto ad una precedente stima di +2,2% nel 2016, +2,1% per l'anno prossimo, e +2% nel 2018. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento