-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 13 giugno 2016

Vacanze 2016: le migliori destinazioni per chi paga in euro


Quando si va in vacanza, giustamente, la prima cosa che si guarda è la destinazione e le strutture di accoglienza, ma in pochi si ricordano che per andare in vacanza servono i soldi e per ottimizzare la spesa sarebbe utile gurdare cose come il tasso di cambio, il costo della vita, il prezzo del biglietto aereo, il livello di sicurezza della nazione che ci ospiterà e le condizioni climatiche.
Ci hanno pensato gli analisti di IG, Vincenzo Longo e Filippo Diodovich i quali notano come l'Euro, nonostante le politiche accomodanti messe in campo dalla Bce ormai da oltre un anno e incrementate da oltre due mesi, abbia ripreso ad apprezzarsi verso le altre monete. Un trend che, se per alcuni versi potrebbe non essere utile, in primis sul fronte dell'export, dall'altro invece potrebbe essere un'interessante fattore da valutare nel momento in cui si dovrà scegliere una meta per le proprie vacanze.

I parametri  

Tra i fattori considerati dagli esperti, anche quello del costo della vita per redigere il quale è stato preso come punto di riferimento il Big Mac Index che riassume il costo del famoso panno nei vari paesi al mondo.

E dal momento che per viaggiare si usa sempre di più l'aereo, anche in questo caso la scelta del biglietto, che a volte rappresenta un carico che può arrivare fino al 50% delle spese del viaggio, dev'essere valutata attentamente. Non solo, ma si rende sempre più spesso necessario, dato il ritorno del pericolo terrorismo e quello sempre più concreto dell'instabilità climatica, prendere in considerazione anche queste due variabili.
Nel secondo caso, complice anche la stagione dei monsoni, gli epserti ci ricordano che solitamente l'Asia non è al top delle scelte così come, e in questo caso si intende l'altra variabile, il nord Africa e la Turchia, sempre più sotto lo scacco del rischio geopolitico.
Arriva poi il punto più importante e cioè l'apprezzamento/deprezzamento dell'euro nei confronti della valuta locale e che alla fine rappresenta il nodo gordiano della ricerca in sé: in questo caso la scala di valori vede un primo blocco su un cambio superiore al 9%, quindi una seconda fascia per quelli tra il 5% e il 9% una terza tra il 2% e il 5%, un'altra al cambio stabile del 2% e l'ultima con un deprezzamento superiore al 2%.

I risultati

Alla fine della ricerca, la classifica risultante a IG vede una serie di nazioni, per la precisione 8, che riescono a strappare un punteggio finale di 20, un punteggio articolato diversamente per ognuna di loro a seconda dei vari punti di forza.

Ad esempio Mauritius, forte delle spiagge famose per la barriera corallina, è anche la migliore per la stabilità delle condizioni climatiche particolarmente favorevoli, il costo della vita particolarmente basso così come anche il fattore di rischio geopolitico. Interessanti risultano anche il Vietnam e il Laos, indicati come entità unica per la vicinanza che li contraddistingue, vengono preferite preferite per il bassissimo costo della vita e il cambio favorevole.

La presenza in questa classifica della Cina rappresenta per alcuni versi una sorpresa: Pechino, da parte sua, può vantare a suo favore un basso costo del biglietto aereo, condizioni climatiche favorevoli e un rischio paese basso.

Da un capo all'altro del mondo

Anche l'India, visti i monsoni, potrebbe apparire una scelta controproducente, ma volendolo evitare si potrà scegliere il sud del paese ad agosto, zona meno colpita dal particolare fenomeno.

In questo caso si potranno sfruttare anche il bassissimo costo della vita e un biglietto aereo dal costo molto ridotto, lo stesso che può vantare anche la Croazia, meta decisamente meno tropicale e più vicina ai nostri orizzonti sia geografici che culturali. Le ultime due risultano essere la Tanzania/Zanzibar, già presente nella classifica stilata l'anno scorso e l'Indonesia con la prima che è preferita grazie a un basso costo della vita e a un biglietto aereo economico vista la distanza, mentre la seconda aggiunge a queste anche una serie di condizioni climatiche particolarmente favorevoli.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento