-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 6 giugno 2016

Spunti rialzisti in avvio di ottava. Milano frenata dai bancari


Lo spunto positivo di venerdì scorso non ha trovato un seguito quest'oggi per la piazza azionaria giapponese che ha chiuso gli scambi in lieve calo. L'indice Nikkei 225 ha terminato le contrattazioni in ribasso dello 0,37%, sulla scia dei deboli dati sul lavoro Usa diffusi venerdì scorso.
Gli investitori hanno optato per la cautela in attesa del discorso odierno del numero uno della Fed, Janet Yellen, da seguire con attenzione specie alla luce dell'ultimo aggiornamento sul mercato del lavoro a stelle e strisce.
In positivo le Borse europee che dopo una partenza mista sono riuscite a posizionarsi tutte al di sopra della parità.

Il Cac40 e il Dax30 salgono rispettivamente dello 0,07% e dello 0,2%, mentre il Ftse100 si mostra più vivace con un progresso dello 0,99%.
In Europa è stato diffuso in mattinata l'indice Sentix che misura la fiducia degli investitori, salito a giugno da 6,2 a 9,9 punti, al di sopra delle previsioni degli analisti fissate a 7 punti.
In Germania è stato reso noto il dato relativo agli ordini di fabbrica che ad aprile hanno registrato una variazione negativa del 2%, in netto calo rispetto alla rilevazione precedente rivista al rialzo da +1,9% a +2,6%, deludendo le attese del mercato che si era preparato ad un ribasso più contenuto dello 0,5%.
In lieve rialzo anche Piazza Affari dove il Ftse Mib si riporta appena sopra la soglia dei 17.500 punti con un vantaggio dello 0,07%.
Tra le blue chips in controtendenza troviamo diversi bancari con Ubi Banca in calo dell'1,55% dopo che Mediobanca ha confermato la raccomandazione "neutral" sul titolo, con un prezzo obiettivo a 4,1 euro.
In rosso di quasi un punto Mediobanca e Intesa Sanpaolo, seguiti da Unicredit che cede lo 0,61%, mentre Banca Monte Paschi resta sulla parità.

In rialzo dello 0,74% Banca Popolare dell'Emilia Romagna, preceduto da Banca Popolare di Milano che guadagna due punti e mezzo. Riesce a fare ancora meglio Banco Popolare che sale del 2,79% nel primo giorno dell'aumento di capitale da 1 miliardo di euro.
Molto bene CNH Industrial che mette a segno un rally del 3,76% forte delle indicazioni positive arrivate da Goldman Sachs.
Gli analisti di quest'ultima hanno migliorato il giudizio sul titolo da "neutral" a "buy", inserendolo nella loro conviction buy list, con un prezzo obiettivo alzato da 6, a 8,3 euro.
In rialzo dello 0,8% A2A dopo l'esito delle elezioni amministrative a Milano, dove c'è un testa a testa tra Giuseppe Sala e Stefano Parisi.

In attesa del ballottaggio tra due settimane, ricordiamo che i due candidati hanno già fatto sapere che la quota detenuta dal Comune di Milano in A2A non è strategica e che sarà valutata una cessione insieme all'altro socio, ossia il Comune di Brescia.
Per oggi in America non sono previsti aggiornamenti di rilievo.
In agenda un discorso di Eric Rosengren, presidente della Fed di Boston, ma ancor più rilevante sarà l'intervento di Janet Yellen, numero uno della Fed.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento