-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 9 giugno 2016

Sotto La Lente Dell'Analisi Tecnica: attese e obiettivi sui principali titoli


La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti al principale indice di benchmark italiano, il FTSE MIB, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
El.En.
El.En.(+2,68%) reagisce alle vendite scattate la scorsa ottava dopo il test a 14,30 euro del lato superiore del canale che sale dai minimi di novembre 2014.

La flessione ha permesso ai principali oscillatori grafici di rientrare in zona di neutralità dopo lo sconfinamento in ipercomprato, senza compromettere la struttura saldamente rialzista. Il consolidamento potrebbe tuttavia non essere terminato e i prezzi hanno ancora spazio per correggere verso i supporti a 12,50 ed eventualmente più in basso fino a 12,06 e 11,69, massimo dello scorso autunno.
Possibili interventi sulla debolezza all'arrivo su questi livelli. 
-Target: 14 euro
-Negazione: 11,69 euro
-RSI (14): neutrale
YNAP
YNAP (+1,41%) ha trovato un valido supporto in area 24,50, linea che sale dai minimi di maggio, dal quale tentare una reazione. Il ritorno in pianta stabile sopra area 26 confermerebbe il segnale rialzista scattato martedì con la rottura della linea discendente dai top di fine 2015, creando le premesse per un allungo verso i massimi di febbraio e aprile a 28,30.

Sotto 24,50 invece rischio di rivisitazione di 23,80, ultimo appiglio capace di scongiurare un nuovo test dei minimi di maggio a 22,66 ma anche la riattivazione del downtrend verso 21,41, base del gap del 30 marzo 2015.
-Target: 28,30 euro
-Negazione: 22,66 euro
-RSI (14): neutrale
A2a
A2A (+0,63%) temporeggia sopra le ex resistenze in area 1,25/1,26.
La flessione avviata dopo il test di nuovi massimi da inizio anno a 1,306 potrebbe tuttavia non essere terminata: sotto 1,25 possibile affondo a 1,16/1,18, base da cui è partito l'ultimo slancio e area di transito della media mobile a 200 giorni. Pericolose flessioni sotto questo riferimento preludio ad approfondimenti estesi a ritracciamento di tutto il rialzo partito a febbraio.

Oltre 1,306 atteso invece un allungo verso i massimi dello scorso dicembre a 1,367 ed eventualmente più in alto in area 1,45. 
-Target: 1,367 euro
-Negazione: 1,16 euro
-RSI (14): neutrale
Azimut
Azimut (+0,26%) resiste sopra i supporti a 18/18,40 senza riuscire ad allontanarsene.
Per intravedere segnali di ripresa sarà infatti necessario il superamento dei massimi del 31 maggio e della media mobile a 200 giorni, entrambi a 20,40 circa, oltre i quali diverrebbe lecito sperare in un nuovo confronto con il massimo di aprile a 22,49. La violazione definitiva di area 18 riattiverebbe invece il movimento ribassista di breve termine verso supporti a 16,60, poi a 15 circa.
-Target: 22,49 euro
-Negazione: 18 euro
-RSI (14): neutrale
Saras
Saras (+2,58%) in progresso sulla scia del rialzo del greggio, tornato sopra i 51 dollari al barile (il Wti).

Una accelerazione oltre il lato alto del canale che contiene le oscillazioni dai minimi di marzo, a 1,65 circa, rafforzerebbe il segnale rialzista scattato a fine maggio con il superamento della trend line ribassista disegnata dai top del 2015. Lecito in questo caso ambire al test di obiettivi a 1,71, poi a 1,80 circa, ultimo scoglio lungo il percorso verso i 2 euro.
Pericolose invece discese sotto 1,53 preludio a ripiegenti verso area 1,39. Peggioramento del quadro grafico sotto questo livello, per 1,26, minimi di marzo.
-Target: 1,71 euro
-Negazione: 1,53 euro
-RSI (14): neutrale
Saipem
Saipem (+4,87%) prova a lasciarsi alle spalle la fase laterale vista nell'ultimo mese premendo con insistenza sulla resistenza a 0,39.

Segnali di forza oltre questa soglia ma conferme giungerebbero solo sopra 0,446, top di fine aprile, preludio alla realizzazione di un nuovo allungo verso 0,48 e 0,60. Al contrario, sotto 0,356 rischio di avvitamento ribassista verso 0,30 almeno. 
-Target: 0,48 euro
-Negazione: 0,356 euro
-RSI (14): neutrale
(CC)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento