-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 29 giugno 2016

Piazza Affari: il rimbalzo arriva, ma l'intonazione è negativa


Le violente vendite abbattutesi nelle ultime due sedute sulle Borse europee hanno lasciato il posto quest'oggi ad un primo recupero. Il Dax30 è rimasto più indietro con un rialzo dell'1,93%, preceduto dal Cac40 e dal Ftse100 che hanno guadagnato il 2,61% il primo e il 2,64% il secondo.
A mettere a segno la migliore performance è stata Piazza Affari che dopo essere stata l'ultima nelle ultime due giornate, ha mostrato una maggiore forza relativa oggi.
Il Ftse Mib si è fermato a 15.601 punti, con un rally del 3,3%, dopo aver toccato nell'intraday un massimo a 15.799 e un minimo a 15.286 punti.

Ftse Mib: i possibili scenari dopo il rally odierno

L'indice delle blue chips ha avviato gli scambi già in salita e grazie alla tenuta di area 15.000 ieri è riuscito ad superare l'ostacolo dei 15.500 punti, con successivo allungo verso i 15.800, con successivo ripiegamento a 15.600 in chiusura di sessione.


Il movimento odierno, per quanto partito da un supporto rilevante quale quello dei 15.000 punti, deve essere letto come un semplice rimbalzo tecnico che di fatto non mette al riparo da nuove vendite.
Non sono da escludere infatti rinnovate incursioni ribassiste vista la fragilità di fondo del mercato e la grande incertezza che domina dopo l'esito del referendum nel Regno Unito.

Discese al di sotto dei 15.500 punti apriranno le porte a discese verso l'importante supporto di area 15.000, senza escludere estensioni ribassiste fin verso i 14.800 punti. L'eventuale cedimento di questo sostegno favorirà una prosecuzione della discesa verso i 14.500 punti prima e i 14.000 in un secondo momento.
Ulteriori segnali di forza si avranno con recuperi al di sopra dei 15.800 punti che vedranno un primo approdo dei corsi in area 16.000.

Oltre questa soglia ci sarà spazio per apprezzamenti verso i 16.500 prima e i 17.000 punti in un secondo momento, ma anche un'evoluzione di questo tipo non andrà a modificare l'impostazione ribassista in essere.

I market movers in America e in Europa

Per la prossima seduta sul fronte macro Usa si segnala l'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari.
Per i redditi personali a maggio si prevede una variazione positiva dello 0,3% in frenata rispetto allo 0,4% precedente, e le spese per consumi dovrebbero mostrare un rialzo dello 0,3%, rispetto all'1% di aprile, mentre per l'indice PCE core è visto in frenata dallo 0,2% allo 0,1%.
In agenda anche l'indice home pending sales relativo cioè alle vendite di case con contratti in corso che a maggio dovrebbe mostrare una variazione negativa dell'1,4% rispetto al rialzo del 5,1% precedente.


Nel pomeriggio sarà diffuso il consueto report settimanale sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell'energia.
In coincidenza con l'apertura di Wall Street avrà inizio un discorso di Janet Yellen, presidente della Fed. A mercati chiusi invece saranno diffusi i risultati degli stress test della Banca Centrale americana sulle banche statunitensi.

Prima dell'apertura di Wall Street saranno diffusi i risultati degli ultimi tre mesi di General Mills e di Monsanto, dai quali ci si attende un utile per azione rispettivamente di 0,6 e di 2,4 dollari.
In Europa si conoscerà l'indice relativo alla fiducia economica che a giugno dovrebbe calare leggermente da 104,7 a 104,6 punti.

Per l'indice della fiducia delle imprese si prevede un miglioramento da -3,6 a -3,4 punti, mentre l'indice della fiducia servizi, sempre a giugno, è atteso in rialzo da 11,3 a 11,7 punti. Per il dato finale dell'indice della fiducia dei consumatori a giugno si stima un calo da -7 a -7,3 punti. 
In Germania si conoscerà l'indice relativo alla fiducia dei consumatori che con riferimento al mese di luglio è atteso invariato a 9,8 punti.
Per la lettura preliminare dell'inflazione a giugno si stima una variazione positiva dello 0,2% rispetto allo 0,3% precedente, mentre per quella armonizzata le attese parlano di un rialzo dello 0,1% dallo 0,4% di maggio.
Da segnalare che domani si terrà la seconda e ultima giornata della riunione del Consiglio europeo e nel primo pomeriggio è previsto un discorso del presidente della BCE, Mario Draghi.

I titoli da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari da seguire Snam nel giorno della presentazione del piano industriale al 2020.

Sotto i riflettori anche i titoli del settore oil in vista del report sulle scorte strategiche Usa. 
In agenda le assemblee di Ecosuntek, Innovatech e Methorios Capital, per l'approvazione dei dati di bilancio dell'ultimo esercizio. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento