-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 23 giugno 2016

Oggi è il giorno del referendum


Il tema del Referendum UK continua a dominare la scena coprendo qualunque altra questione nel breve.
Peraltro, il mercato sembra diventato più ottimista  di quanto, sulla carta, lo consentirebbero i sondaggi. Infatti, con oggi, l’Eurostoxx ha recuperato  quasi interamente l’attacco di panico  della scorsa settimana, idem gli spread periferici, che si sono tranquillizzati (nonostante il mediocre risultato delle amministrative e l’incombere delle elezioni spagnole, di cui si curano in pochi).
Anche il bund è tornato a rendimento positivo (un rigoglioso 0.06%) anche se i livelli di maggio distano ancora una manciata di basis points.

E la sterlina ha ritracciato interamente la discesa vs $  e  in larga parte quella contro €, che si è a sua volta un po’ ripreso. Evidentemente il mercato crede più ai bookmakers, che danno Remain vincente pagato a 1/4 e il Leave 3 a 1.
E’ curioso che non vi registrino prese di beneficio, a poco più  di un giorno dai risultati, se si esclude il piccolo scivolone seguito alla pubblicazione della poll Opinium, marginalmente favorevole al  leave, alla chiusura europea.
Peraltro, a  disposizione per manifestazioni di isteria collettiva, resta l’intera giornata di domani, visto che i primi  exit poll saranno disponibili alla chiusura dei seggi, alle 23.
Dal punto di vista tattico, il recente movimento  rende la reazione al  referendum asimmetrica a mio modo di vedere.

Apprezzabile sollievo in caso di Remain, mentre se sarà Brexit, gli attuali livelli saranno un miraggio un secondo dopo le exit polls e passare la nottata sui mercati non sarà di particolare aiuto per chi vuole ridurre i rischi a risultato acquisito.
Strategicamente, è un altro discorso.
L’incombere del referendum ha contribuito a mantenere in stand by un bel po’ di soldi, che sono pronti a ridispiegarsi sui mercati i prossimi mesi, a pericolo scampato.
Trattandosi di movimenti strategici, avverranno gradualmente, via via che gli investitori disegnano i nuovi scenari.

La riallocazione, coeteris paribus, offrirà  comunque supporto ai mercati globali.
Venendo alla giornata odierna, la  seduta asiatica ha visto il buon tono dei giorni scorsi proseguire, dopo un inizio travagliato.  Solo Tokyo ha conservato il segno negativo, presumibilmente a causa di uno yen testardamente in area 104 vs $.
In effetti la  divisa giapponese è stata l’unica a non ritacciare il movimento della scorsa settimana, in parte a  causa della rilassatezza delle autorità (il ministro delle finanze Aso ha  dichiarato ieri che non ricorrerà  ad interventi sulla divisa “alla leggera”), in parte perchè  il mercato continua a ritenere il lungo yen uno degli hedge più efficaci del rischio Brexit.
La  seduta  europea ha  visto moderate prese di beneficio in mattinata, più  accentuate sull’azionario italiano, eventualmente a causa di un ritardato riconoscimento del mediocre risultato delle amministrative (qualcuno è andato a leggersi il programma del Movimento 5 stelle, leggi referendum sull’€).
L’onda ottimista del pomeriggio è stata troncata dalla comparsa del citato  sondaggio, intervenuto in tempo per dimezzare i guadagni della borsa europea e ridare fiato al Bund.

Ma  il  sentiment sembra coriaceo,  se  è vero che, nonostante un secondo poll negativo ( U.K. EU Poll Shows 43% Leave, 41% Remain, TNS Says ) Wall Street e i future sull’Eurostoxx conservano un progresso (rispettivamente +0.1% e +0.4%) mentre scrivo, e  l’€ recupera contro $.
Vedremo se i nervi resteranno saldi anche domani.
Nel frattempo, un grafico di Oppenheimer mi da l’opportunità  di illustrare in una maniera più semplice e intuitiva il concetto espresso ieri sul Vix Depurato.

Quando ad una fiammata di volatilità vede il  VIX salire di +  del  50%, e l’S&P 500 rimanere sopra la media a 200 giorni, il risultati prospettici in media sono buoni. In questo caso la condizione si è  verificata nonostante la media fosse abbastanza vicina (l’indice US è laterale da un po’), il che aggiunge forza all’argomento.
Autore: Giuseppe Sersale Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento