-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 20 giugno 2016

Ftse Mib, rimbalzo poco credibile

L’ipotesi di settimana scorsa, secondo cui il triangolo dentro al quale si muoveva l’indice Ftse Mib appariva già rotto verso il basso si è rivelata corretta. La conseguente esplosione dei prezzi è prontamente (e prevedibilmente) avvenuta e i prezzi verso cui fare attenzione sono stati indicati: il primo supporto a 16.400 punti e, successivamente, il livello obiettivo di 15.500.
Cosa ipotizzare ora? E’ vero che si sta producendo un forte rimbalzo, dopo l’assassinio di un deputato laburista a Londra e la sospensione delle campagne a favore o contro la Brexit, ma va sottolineato che il ribasso è ancora in corso e che dunque non è ancora finito.
Secondo l’analisi di Elliott tutti i movimenti direzionali si compongono di 5 onde; pertanto a questo mancano la quarta e la quinta.

Detto diversamente, dopo il doveroso rimbalzo dovrà con ogni probabilità seguire l’affondo (vedi Figura 1).
Figura 1. Future FtseMib40 – grafico giornaliero
Il secondo aspetto è che, a meno di una configurazione di doppi minimi, da non trascurare nelle fasi finali di movimento, si andrà sotto il pavimento, segnato a febbraio scorso, di 15.765 punti.
Anche questo si desume dalla forma del grafico: l’onda finale 5 è infatti “normalmente” destinata a forare il minimo dell’onda direzionale precedente ossia onda 3 (Figura 2).

Di qui il possibile obiettivo in area 15.500 punti.
Figura 2. Future FtseMib40 – grafico giornaliero con analisi onde di Elliott
Se quindi lo scenario di mercato non è confortante, proviamo a farci tornare il sorriso analizzando FILA.
Il titolo è in un trend positivo che non sembra ancora finito: un appoggio su area 11,31 provocherebbe un segnale buy, con stop - loss sul minimo ancora da definirsi e come obiettivo il superamento del massimo precedente di 13,30 euro (Figura 3).
Figura 3.

FILA – grafico settimanale con analisi onde di Elliott
Non convince invece del tutto il grafico di BENI STABILI: il suo trend primario è stato violato (linea di tendenza rotta) e l’obiettivo naturale del trend ribassista sembra essere area 0,5175 (Figura 4)
Figura 4.
BENI STABILI – grafico mensile
Non si parla di acquisti quindi, a mio avviso, almeno fino a tali livelli.
Il titolo è da considerarsi short.

Di Fabio Pioli, Pres.

Ass. Italiana Traders e Piccoli Risparmiatori e fondatore di CFI (www.cfionline.it)
Autore: ItForum Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento