-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 9 giugno 2016

Fitch: banche italiane sorvegliate speciali


L’Italia sarà ancora tra le sorvegliate speciali per i prossimi mesi. Lo stabilisce un report di Fitch nel quale si sottolinea che per quanto le riforme siano state fatte, servirà del tempo affinchè possano portare i loro frutti.

Il referendum di ottobre

Ma quella più importante di tutti resta senza dubbio la riforma costituzionale per la quale gli italiani saranno chiamati a votare nel referendum di ottobre.

Il motivo? Si tratta di una serie di considerazioni di carattere tecnico: finora i vari provvedimenti sono arrivati al termine del rispettivo iter grazie all’azione prettamente politica, ma è nella legittimazione  e soprattutto nell’appoggio che il governo potrà avere in futuro che si gioca la sostenibilità di quanto fatto finora.
Infatti il test di ottobre è anche, anzi soprattutto, un test sul governo il quale, qualora non dovesse essere superato, potrebbe essere costretto alle dimissioni facendo rientrare l’Italia nell’incertezza politica. 

Banche: dolenti note

Da un punto di vista prettamente finanziario, il punto dolente resta ancora il sistema bancario dal momento che il problema delle sofferenze e dei non performing loans non solo è stato scoperto tardi ma non si riesce ad arginare nella sua crescita, crescita che, tra l’altro, ha registrato un record nelle cifre di gennaio 2016.

Una situazione particolarmente fragile se si guarda al panorama particolarmente frammentato del settore del credito made in Italy, e che costringerà gli istituti, nell’immediato futuro, a mettere mano a nuovi accantonamenti per ammortizzare le perdite che si verificheranno presto. Da qui alla necessità di ricapitalizzazione il passo è breve.
Inoltre da Fitch si segnalano anche la qualità piuttosto debole degli asset come altro fattore di debolezza per le banche che si va ad inserire in un più vasto panorama economico contrassegnato a sua volta da un debito gigantesco (per alcuni addirittura tecnicamente ingestibile) e che lascia al governo ben pochi spazi di manovra per dare il via a misure a favore della crescita e dello sgravio fiscale.
Sempre che a novembre un governo ci sia ancora. 


Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento