-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 20 giugno 2016

Due strategie su S&P500

Gianvito D'Angelo Trader

lunedì 20 giugno 2016
Aggiorniamo la situazione sull’indice S&P500: se osserviamo le ultime 5 candele daily possiamo notare due cose fondamentali: 1) la settimana scorsa il mercato è sostanzialmente sceso evidenziando però un bellissimo supporto in area 2050-2060 punti; 2) la volatilità misurata dall’average true range sta pericolosamente risalendo, passando da 10 a 22, un aumento che potrebbe sembrare poco significativo in valore assoluto, ma che è stato in realtà del 120%, avvenuto nel solo mese di giugno, cioè in meno di 3 settimane.

Quel che vediamo nel primo grafico (sotto) è l’andamento da novembre 2015 ad oggi, all’incirca 6 mesi. Periodo particolare questo poiché se escludiamo gli inizi durissimi del 2016 tra gennaio e febbraio, la volatilità è rimasta davvero bassa durante tutto quest’arco temporale.

L’area di resistenza intorno a 2130 si è rivelata ancora tale, facendoci escludere, almeno per il momento, che i tentativi di breakout dei massimi possano andare a buon fine.



Osserviamo ora il grafico più da vicino sempre su time frame daily:



Il riquadro arancio raggruppa le candele che compongono la settimana scorsa. La cosa interessante da notare è che i mercati americani decisamente e notoriamente più forti degli europei hanno decisamente sofferto nel finale della settimana, proprio venerdì 17, quasi per mettere in sofferenza chi avesse avuto la malsana idea di posizionarsi già long nella giornata di giovedì anticipando per così dire il segnale, visto che anche i mercati europei avevano confermato la potenziale inversione di breve.

Mettiamo allora insieme tutti questi fattori per definire le future dinamiche dei prezzi per la settimana che sta per incominciare:

La strategia A ipotizza che se i prezzi dovessero inizialmente continuare a scendere come venerdì, la prima area di supporto indicata in giallo nella figura 2 dovrebbe almeno inizialmente tenere e quindi sarebbe una buona opportunità per andare long.

La strategia B ipotizza che se i prezzi dovessero cominciare a salire andando ad innescare il segnale long sopra la linea blu, quelli che verrebbero messi in difficoltà sarebbero proprio i rialzisti per cui almeno nel breve il mercato sarebbe da shortare e solo nella seconda metà della settimana stessa ci sarebbero i presupposti per riandare long su livelli più alti dei minimi (2050-2060) dell’hammer di giovedì 16.
Per contatti: Gianvito D’Angelo su Facebook o supergianvi@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento