-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 28 giugno 2016

Commodities, ecco alcuni temi di interesse per rame, alluminio e zinco


Il risultato del voto sulla Brexit ha preso di sorpresa i mercati finanziari causando sconquassi soprattutto sull'azionario e sulle valute. E anche se la volatilita' tendera' a ridimensionarsi in un prossimo futuro, le tensioni potrebbero rimanere evidenti per un periodo prolungato, almeno fino a quando non sara' chiaro se e come il Regno Unito effettivamente uscira' dall'Unione europea.
Ci sono anche alcuni strumenti che non sono stati particolarmente toccati dalle vicissitudini europee, uno tra questi il gas naturale. Le previsioni di un innalzamento delle temperature, con conseguente impennata dei consumi elettrici per il condizionamento, hanno infatti influito positivamente sui prezzi di questa commodity.

Ma anche il rame, lo zinco e l'alluminio si sono apprezzati di recente grazie ad una domanda fisica sostenuta. In generale i metalli industriali sono ben comprati sulle attese di una ripresa dell'economia cinese anche grazie ai possibili interventi che il governo di Pechino potrebbe mettere in pista.
In Cina i forti stimoli del credito e quelli fiscali hanno avuto tra gli effetti quello di una ripresa del mercato dell'edilizia abitativa. Sul mercato del rame influiscono poi anche le notizie relative alle possibili fusioni e acquisizioni dei giganti del settore, che vedono coinvolto anche Codelco, il maggiore estrattore mondiale di questo metallo.
Elemento di maggiore interesse sul grafico del rame e' il rapporto con la media mobile a 100 giorni, riferimento grafico che viene utilizzato dagli analisti per determinare in modo veloce, anche se forse un po' semplicistico, la condizione della tendenza di medio periodo (quando i prezzi stazionano al di sopra della media mobile si puo' parlare di una tendenza rialzista, fermo restando che anche altre condizioni devono essere rispettate, viceversa quando ne sono al di sotto il trend e' probabilmente al ribasso).

Tale indicatore e' stato infatti testato come resistenza a piu' riprese a giugno, e la sua definitiva rottura, ora transita a 4750 dollari circa (grafico LME 3MD), permetterebbe di sperare anche nel superamento a 4845 della trend line ribassista disegnata dal top di maggio 2015. Oltre quei livelli diverrebbe credibile una ipotesi di correzione estesa di tutto il ribasso dal top di un anno fa circa con obiettivi che i ritracciamenti di Fibonacci calcolati per quel periodo identificano a 5150 e 5400 dollari.

Solo discese al di sotto della linea che sale dai minimi di gennaio, passante a 4510 dollari circa, potrebbero allontanare la realizzazione di una fase positiva che verrebbe comunque negata solo sotto i 4350 dollari.
L'indice Bloomberg sul Natural Gas (BCOMNG) ha invece accelerato in modo netto al di sopra della media mobile a 100 giorni, resistenza testata quasi quotidianamente a maggio, superata il 31 maggio e ora supporto a 0,41 circa.
L'indice ha testato con i minimi di marzo la base del canale ribassista che contiene le oscillazioni dei prezzi dal top di febbraio 2014, un progresso fino almeno ad incontrare il lato alto dello stesso canale, a 0,74, e' possibile. Resistenza intermedia a 0,5250, top di gennaio 2016. Solo discese sotto la citata media mobile a 100 giorni potrebbero fare temere una inversione di trend in senso ribassista.
Da seguire con attenzione il rapporto tra media mobile e prezzi anche nel caso dello Zinco. Lo Zinco segue un canale rialzista dai minimi di gennaio, canale la cui base e' parallela alla media mobile a 100 giorni, passante attualmente a 1856 dollari (grafico LME 3MD). Fino a che la base del canale, in transito a 1900 dollari circa, e la media mobile a 100 giorni sosterranno le quotazioni le attese rimarranno in favore del proseguimento del rialzo con obiettivi che si estendono fino ai massimi di maggio 2015 a 2404 dollari.
E di canale rialzista si puo' parlare anche per il grafico dell'alluminio, che sale con costanza dai minimi di novembre 2015. Attualmente i prezzi sono nella parte centrale del canale, i cui estremi transitano a 1530 e 1720 dollari circa. La media mobile funziona da supporto a 1560 dollari circa, la tenuta di quei livelli dovrebbe permettere la realizzazione di movimenti verso il lato alto del canale con resistenza intermedia sul massimo di aprile a 1686 dollari.
Sotto area 1560 invece probabile il test di 1530, supporto che dovra' essere rispettato per evitare una vera e propria inversione in senso ribassista.
(AM)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento