-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 29 giugno 2016

Buy&Sell: promossi e bocciati dagli analisti

Dow Chemical Co. (NYSE: DOW) 
JP Morgan taglia il rating della società portandolo a Neutral dal precedentemente Overweight su un target price a 50 dollari JPMorgan (Londra: JPIU.L - notizie) . Dow Chemical (Hannover:DCH1.HA - notizie) ha un consensus di 59,24 dolalri e un trading range a 52 settimane che oscilla dai 35,11 dollari ai 57,10. Solo ieri l’annuncio di una serie di tagli sulle unità lavorative, 2.500 per la precisione arrivati poco più di sei mesi dopo la storica fusione con DuPont e che ha dato vita a un colosso da 130 miliardi di dollari che si sarebbe chiamato DowDuPont. L’accordo era nato sulla scia di quel vento di rafforzamento e fusione tra aziende che soffiava sul settore da quando il crollo del petrolio aveva letteralmente lacerato i margini di guadagno di molti grandi nomi.


Rio Tinto plc (Londra: RIO.L - notizie) (NYSE: RIO) 
Risulta invece promosso un altro grande protagonista, questa volta, del settore minerario. Da Morgan Stanley arriva l’upgrade di un rating che da Equal Weight diventa overweight con un aggiornamento anche per il target price rivisto a 55,50 dal precedente 52 dollari. Il consensus è a 32,78 dollari su un trading range a 52 settimane che va dalla fascia bassa di 21,89 dollari a 42,11. Il motivo che ha spinto verso la decisione, secondo quanto dichiarato dagli analisti di JP Morgan è da ricercarsi, oltre che nella solidità patrimoniale, anche nei prezzi delle azioni particolarmente favorevoli, tutti elementi che consentono di essere più costruttivi.


Tesla Motors Inc (Xetra: A1CX3T - notizie) . (NASDAQ (NasdaqGS: NDAQ - notizie) : TSLA) 
In questo caso si tratta di un titolo che è stato declassato a hold dal precedente rating Buy. A deciderlo gli analisti di Argus. Il consensus sul titolo è di 251,38 dollari con un trading range di 52 settimane  tra i 141,05 e i 288,65 dollari. Nelle scorse settimane Tesla era stato al centro delle cronache finanziarie per la dichiarata intenzione di rilevare la societa' di energia solare SolarCity (Swiss: SCTY.SW - notizie) per un costo complessivo di 2,8 miliardi di dollari approfittando del fatto che Elon Musk oltre ad essere fondatore e maggior azionista di Tesla, è anche socio di SolarCity. Ma quella che potrebbe essere intesa da alcuni come una mossa di rafforzamento, in realtà è stata interpretata come un possibile pericolo per entrambe le aziende, attualmente in un momento di difficoltà.  



Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento