-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 23 giugno 2016

Brexit? Meglio attendere


Il Dow ieri ha messo a segno oltre 270 punti in apertura, trascorrendo poi il resto della giornata a restituire circa la metà di questo guadagnato nelle prime battute della sessione, per chiudere a  17.805.
I volumi trattati si sono attestati su livelli moderati, attestandosi al 96% della media di 10 giorni.
178 sono stati i titoli che hanno segnato nuovi massimi di periodo, mentre solo 9 hanno visto nuovi minimi. Il rialzo di ieri, apparentemente misurato, è stato il risultato di un cambiamento nella struttura tecnica del Dow Jones intervenuto settimana scorsa, avvalorato da un segnale di una maggior confidenza all’acquisto evidenziato dal VIX. Il rally è stato alimentato da due sondaggi sul referendum britannico pubblicati durante il fine settimana, che mostravano un piccolo degli elettori “Stay”, rispetto ai “Leave”.

Il cambiamento dell’umore elettorale ha invertito le sorti del mercato, la cui maggioranza ha iniziato a spostarsi dalla parte dei LONG. Tuttavia l’esile margine che separa i pareri sull’adesione all’Unione Europea, non impatta ancora strutturalmente sul trend di fondo, che resta sempre laterale seppur connotato da un’alta volatilità.
Per cui l’idea operativa più ragionevole sarebbe quella di rimanere a bordo campo, in attesa di capire quale parte del mercato prenderà il sopravvento.
Nel settembre del 1992, quando il Regno Unito svalutò la sua moneta del 15%, il paese britannico fu in grado di recuperare perché i tassi di interesse erano ancora al 10%, per cui i consumatori e le imprese beneficiarono di una sterlina svalutata per sostenere minori costi finanziari.

Ma ora, con i tassi di interesse vicino allo zero, una svalutazione del 10-15% della sterlina potrebbe avere conseguenza completamente diverse, con gravi ripercussioni sull’economia del Regno Unito che potrebbe sprofondare in una profonda recessione difficile da recuperare in breve tempo. C’è da augurarsi quindi che l’esito referendario della Gran Bretagna propenda per il voler rimanere nell’Unione Europea.
Se prevalesse la volontà di abbandonare l’Unione,  Venerdì 24 giungo potrebbe essere una giornata molto negativa per i mercati mondiali. D'altra parte, se gli elettori preferissero rimanere, i mercati mondiali dovrebbero reagire positivamente con il Dow che potrebbe aggradire da subito i massimi segnati il 20 aprile a 18.168.
Autore: Volcharts.com Fonte: News Trend Online

3 commenti:

  1. buongiorno nicola , ma è possibile contattarti?

    RispondiElimina
  2. certo trovi la mia mail in fondo alla pagiana ... ciao a presto

    RispondiElimina
  3. oppure tramite chat in questa pagina http://www.latooscuro-trading.com/p/opinioni.html

    RispondiElimina