-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 10 giugno 2016

3 azioni con qualche rischio ma... con un rendimento oltre il 6%


Le azioni ad alto rendimento sono interessanti ma spesso un'incognita: per chi invece è disposto ad assumersi qualche rischio c'è anche qualche nome interessante. 

BP

Dopo il gravissimo incidente del Golfo del Messico che ha causato la fuoriuscita di milioni di litri di petrolio, la società è stata costretta a dover sospendere il dividendo per riuscire a rientrare nelle spese peggiorate poi, nel corso degli anni, a causa dei vari risarcimenti, contenziosi e sanzioni.

Eppure, ricorda Dan Caplinger nella sua analisi, BP è stato in grado di ripristinare i pagamenti sui dividendi, anche se a un livello inferiore rispetto al passato, portando piano piano, anno dopo anno, agli azionisti, continui aumenti su una cedola che arriva ogni tre mesi fino a toccare un rendimento del 7%.
Ad incoraggiare prospettive positive sul titolo anche il recupero dei prezzi dell'energia. Sempre che regga!

HCP

Nel corso degli ultimi 20 anni il settore degli investimenti immobiliari e dintorni, è stato particolarmente redditizio.

A questo settore si deve sommare un altro valore aggiunto, quello della sanità, forte anche delle prospettive di invecchiamento della popolazione che porterà ad un aumento della richiesta di strutture sanitarie, il che sarà anche una garanzia per la società che si occupa proprio di questo.
Per quanto riguarda il lato finanziario, l'azienda ha potuto aumentare il suo dividendo ogni anno per più di 30 anni, entrando di fatto nel club degli aristocratici ovvero quello di chi è riuscito a rialzare il premio agli azionisti per oltre 25 anni.

Attualmente, il rendimento è del 6,8%.

Las Vegas Sands

Attualmente il dividend yield è del 6,2% anche se per qualcuno si prospetta un pericolo all'orizzonte: sotto accusa la campagna anticorruzione della Cina continentale che ha creato non pochi problemi a Macao, capitale asiatica del gioco d'azzardo oltre che fonte principale degli introiti dell'azienda.
Nel corso degli ultimi due anni, le entrate da Macao sono precipitate, a tutto discapito delle azioni e degli investitori. Ma per Caplinger il peggio potrebbe essere alle spalle tutto dipenderà dalla volontà di Pechino e delle altre nazioni asiatiche di riuscire a ritrovare lo slancio economico e, con esso, anche la voglia di giocare.

In poche parole, si tratta di una scommessa. Ovviamente! 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento