-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 30 maggio 2016

Unicredit: analisti neutrali dopo ok UE a jv Sam-Pioneer


La prima seduta della nuova settimana si è conclusa con un lieve progresso per Unicredit che ha mostrato una minore forza relativa non solo rispetto all'indice di riferimento, ma anche in confronto a molti altri protagonisti del settore bancario.
Il titolo, dopo essersi lasciato alle spalle la sessione di venerdì scorso con un calo di quasi un punto percentuale, quest'oggi si è fermato a 2,996 euro, con un progresso dello 0,33% e bassi volumi di scambio, visto che a fine sessione sono transitate sul mercato oltre 34 milioni di azioni, rispetto alla media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a quasi 96 milioni di pezzi.

Via libera della Commissione UE alla vendita di Pioneer

Venerdì scorso la Commissione europea ha dato il suo via libera alla joint-venture tra i business di asset management non statunitensi di Sam Investment Holding e Pioneer Global Asset Management, controllata quest'ultima da Unicredit.


La Commissione Ue ha motivato la sua scelta dopo aver stabilito che l'operazione non creai rischi per la concorrenza, viste le dimensioni delle quote di mercato delle società e la presenza di forti competitors.

I commenti delle banche d'affari e la view su Unicredit

Gli analisti di Equita SIM ricordano che il closing del deal è ancora subordinato al via libera della Banca Centrale europea che tarda ad arrivare.
In più occasioni il management di Unicredit è sembrato scettico sull'esito del processo autorizzativo, lasciando intendere che il deal potrebbe anche non vedere la luce.
La SIM milanese fa sapere che la cessione di Pioneer Global Asset Management avrebbe un impatto positivo nell'ordine di 25 punti base sul Common Equity Tier 1 di Unicredit e non sarebbe quindi risolutiva per i problemi relativi al deficit di capitale del gruppo.


Confermata così la view neutrale sul titolo per il quale viene ribadita la raccomandazione "hold", con un prezzo obiettivo a 4,1 euro.
Lo stesso rating viene mantenuto invariato da Banca IMI, i cui analisti, al pari dei colleghi di Equita SIM, segnalano che il deal riguardante Pioneer e Sam dovrebbe portare a Unicredit un beneficio di 25 punti base sul Common Equity Tier 1.
Infine, non si sbilanciano neanche i colleghi di Citigroup che sul titolo mantengono ferma la raccomandazione "neutral", con un fair value a 4 euro.

Con riferimento al via libera della Commissione europea sulla joint-venture tra Sam Investment Holding e Pioneer Global Asset Management, la banca americana parla di una notizia positiva. Gli analisti hanno calcolato che il deal potrebbe avere un beneficio di circa 20 punti base per il capitale del gruppo bancario italiano.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento