-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 5 maggio 2016

Sotto La Lente Dell'Analisi Tecnica: attese e obiettivi sui principali titoli


La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti al principale indice di benchmark italiano, il FTSE MIB, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
Buzzi Unicem
Buzzi Unicem (+0,24%) reagisce al test dei supporti a 16,15/16,20.

La permanenza al di sopra della trend line che sale dai minini di febbraio e della media mobile a 20 periodi in transito in questo punto permette di credere che il titolo voglia prolungare l'uptrend verso i massimi dello scorso autunnoa 17,80 circa. Indicazioni negative invece sotto area 16,15 preludio a ripiegamenti verso 15,50.
-Target: 17,80 euro
-Negazione: 15,50 euro
-RSI (14): neutrale
A2a
A2A (+0,66%) resiste sopra il sostegno dinamico offerto a 1,21 dalla media mobile a 20 giorni, coincidente con la trend line che sale dai minimi di febbraio, ma evidenzia una perdita di slancio.

La permanenza al di sopra di questo riferimento e la rottura netta dell'ostacolo successivo, a circa 1,26, permetterebbe di credere nel ritorno sui massimi di dicembre a 1,367. Debolezza invece sotto area 1,21 sebbene risulterebbero pericolose solo flessioni sotto 1,16 preludio al test dei fondamentali supporti a 1,08 circa.

-Target: 1,26 euro
-Negazione: 1,08 euro
-RSI (14): neutrale
Banco Popolare
Banco Popolare (+4,05%) prova a reagire alle vendite recenti dopo aver raggiunto a 5,15 circa il 61,8% di ritracciamento del rialzo dai minimi di aprile. La reazione dovrà spingersi oltre 5,80 per essere credibile e gettare le basi per un nuovo confronto con i massimi del mese scorso a 6,50 circa.

Una vittoria su questo ostacolo permetterebbe poi di rivedere quota 7,00 ed eventualmente 7,60 e 8 euro. Sotto 5,115 via libera invece verso 4,92, base del gap dell'11 aprile.
-Target: 7,60 euro
-Negazione: 5,115 euro
-RSI (14): neutrale
Amplifon
Amplifon (+2,34%) oscilla nell'intervallo di prezzi stabilito nella seduta di martedì senza una chiara direzione.
La permanenza dei prezzi sopra area 8 permette tuttavia di continuare a sponsorizzare l'ipotesi di proseguimento dell'uptrend di lungo corso verso obiettivi a 8,40 circa, sul lato alto del canale che sale dai minimi di agosto 2015, e più in alto fino a 9,20. Segnali di debolezza invece sotto 7,95, che troverebbero poi comferma con la violazione dei minimi di aprile a 7,36 circa.
-Target: 8,40 euro
-Negazione: 7,36 euro
-RSI (14): neutrale
Banca Mediolanum
Banca Mediolanum (+3,74%) sta consolidando il rialzo in atto dai minimi di febbraio in un intervallo ristretto compreso tra 6,95, media mobile a 200 giorni, e area 7,25/7,30.

La linea che sale dai minimi di febbraio resta per il momento intatta ma sarà necessario uno sforzo maggiore da parte dei prezzi per riattivare il movimento rialzista e creare le condizioni per un allungo fino a 7,60 e 7,70 euro. Le attese di rialzo verrebbero invece messe in discussione da discese sotto 6,87 preludio al test dei supporti a 6,45.
-Target: 7,60 euro
-Negazione: 6,45 euro
-RSI (14): neutrale
Poste Italiane
Poste Italiane (+2,28%) rimbalza sulla media mobile a 20 sedute in transito a 6,56 circa.

Per rilanciare l'uptrend il titolo dovrà comunque oltrepassare area 6,80/6,85 per ambire a un confronto con la resistenza ben più tenace a 7,20/7,25, record assoluti toccati tra dicembre 2015 e gennaio 2016. Tali attese verrebbero invece negate da discese sotto area 6,20, preludio al test di 6 euro, supporto determinante nel medio termine.
-Target: 7,30 euro
-Negazione: 6 euro
-RSI (14): neutrale
(CC)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento