-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 19 maggio 2016

Sotto La Lente Dell'Analisi Tecnica: attese e obiettivi sui principali titoli


La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti al principale indice di benchmark italiano, il FTSE MIB, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
Retelit
Retelit (-1,48%) ha inviato lo scorso aprile un segnale di forza, grazie al superamento a circa 0,64 della linea tracciata dai massimi del 2014.

Dopo aver quasi raggiunto i top del 2015, a 0,714, il titolo sta ora consolidando il rialzo intrapreso a febbraio. La permanenza dei prezzi sopra la media mobile a 50 sedute potrebbe favorire la realizzazione di un nuovo movimento rialzista verso target a 0,71 e 0,75. Diversamente non si potranno escludere ripiegamenti diretti verso 0,61, minimi di maggio, poi indirezione di 0,59, quota del 38,2% di ritracciamento del rialzo degli ultimi tre mesi.
Indicazioni negative giungerebbero solo nel caso di nuovi cali sotto area 0,54. 
-Target: 0,75 euro
-Negazione: 0,63 euro
-RSI (14): neutrale
Stmicroelectronics
Stm (+6,22%) ha reagito con forza dopo aver avvicinato il 13 maggio i minimi di aprile a 4,48. La reazione dovrà tuttavia superare area 5,10 per inviare i primi segnali di ripresa.

In quel caso target a 5,44/5,50, ultimo ostacolo oltre il quale potrebbe realizzarsi uno slancio verso obiettivi in area 6,40/6,50. Sotto 4,48 invece rischio di test 4,15, minimi allineati di settembre e novembre 2012.
-Target: 6,50 euro
-Negazione: 4,48 euro
-RSI (14): neutrale
Maire Tecnimont
Maire Tecnimont (+2,18%) è ancora impegnata a correggere il rialzo intrapreso a febbraio all'interno di un 'flag' ribassista.
I riferimenti della bandiera si collocano a 2,36 e 2,70 circa: solo il debordo da uno dei due lati potrà determinare l'evoluzione futura dei prezzi. Al rialzo sarà comunque necessaria la rottura di 2,75, top di marzo, per credere in un allungo verso 2,90 circa, massimi dello scorso autunno, poi fino a 3,25 circa, massimi pluriennali raggiunti la scorsa estate.

Nuova debolezza invece sotto area 2,36, preludio a cali verso area 2,30. Target negativi successivi a 2,10 e 2 euro circa.
-Target: 2,90 euro
-Negazione: 2,40 euro
-RSI (14): neutrale
BP Emilia Romagna
BP Emilia Romagna (+7,01%) supera gli ostacoli a 4,50/4,55 circa.
La rottura di questo riferimento seguita dal ritorno sopra 4,90 permetterebbe al titolo di allungarsi nuovamente verso la resistenza tenace a 5,415, critica in ottica di medio termine. Alla violazione di area 4,20 atteso invece un nuovo test di area 3,70.
-Target: 5,415 euro
-Negazione: 4,20 euro
-RSI (14): neutrale
*FCA *
FCA (+0,16%) prova a risalire la china dopo lo scivolone che martedì ha portato alla violazione a 6,70 della linea disegnata dai minimi di febbraio.

Il segnale ribassista verrebbe però negato solo dal perentorio ritorno sopra 6,85, seguito dal superamento a 7/7,10 della linea che scende dai massimi dello scorso autunno, per target a 7,40 e 7,90. Finchè 6,85 non sarà alle spalle quindi, probabile proseguimento della discesa verso i primi supporti a 6 euro.

-Target: 7,90 euro
-Negazione: 6,00 euro
-RSI (14): neutrale
(CC)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento