-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 31 maggio 2016

Piazza Affari si conferma sulla retta via: i prossimi traguardi


La nuova settimana si è aperta con una seduta all'insegna della cautela per le Borse europee che oggi hanno dovuto lavorare senza la piazza londinese e senza quella americana, entrambe chiuse per festività. 
L'assenza di questi due importanti mercati ha influito non poco sui volumi di scambio che sono stati più bassi della media, ma anche sull volatilità che è stata ben più contenuta del solito.

Dopo un avvio debole i listini europei sono riuscito a posizionarsi in territorio positivo e così il Cac40 è salito dello 0,32%, mentre il Dax30 si è apprezzato dello 0,46%.

Ftse Mib proiettato verso l'area dei 18.500

Ha mostrato una forza relativa leggermente maggiore Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib fermarsi a 18.291 punti, con un vantaggio dello 0,58%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 18.321 e un minimo a 18.197 punti.


L'indice delle blue chips si è mantenuto al di sopra di area 18.000, superando i massimi segnati in chiusura della scorsa ottava. Il prossimo obiettivo per il Ftse Mib è in area 18.500, superata la quale ci sarà spazio per un apprezzamento in direzione del 19.000/19.200 punti.
Almeno per il momento non ci sbilanciamo a segnalare dei target superiori, visto che il raggiungimento dei recenti massimi di periodo potrebbe anche frenare in un primo momento il recupero in atto a Piazza Affari, vista l'importanza del livello resistenziale in questione.


La mancata violazione di area 18.500 potrebbe favorire delle prese di profitto e in questa direzione il primo sostegno di rilievo da monitorare è in area 18.000/17.900.
Con il cedimento di questo livello le vendite proseguiranno in direzione dei 17.500 punti, rotti i quali sarà inevitabile un approdo in area 17.000/16.800.
La tenuta di questa soglia di prezzo è essenziale per evitare approfondimenti ribassisti che potrebbero condurre il Ftse Mib verso i minimi dell'anno in area 16.000/15.800, il raggiungimento dei quali però appare poco probabile almeno nell'immediato.   
Le attese sono per una prosecuzione degli acquisti verso gli obiettivi rialzisti segnalati prima, pur con una cautela di fondo per via delle varie incertezze che pesano sulle prospettive dei mercati azionari.

I market movers in America e in Europa

Il rientro agli scambi della piazza azionaria americana sarà accompagnato da una serie di dato macro da seguire con attenzione.


In America infatti si conosceranno i redditi personali che ad aprile dovrebbero mostrare una variazione positiva dello 0,4%, in linea con la lettura precedente, mentre le spese per consumi sono viste in rialzo dello 0,7% contro lo 0,1% di marzo. Per l'indice PCE core si stima una variazione positiva dello 0,2% rispetto allo 0,1% del mese precedente.
In agenda anche l'indice S&P Case-Shiller, relativo all'andamento dei prezzi delle case nelle 20 maggiori città Usa, che a marzo dovrebbero mostrare un rialzo del 5,3% su base annua, in frenata rispetto al 5,3% di febbraio.
L'indice Chicago PMI a maggio dovrebbe salire da 50,4 a 50,7 punti, mentre l'indice relativo alla fiducia dei consumatori, sempre a maggio, è atteso a 96 punti rispetto ai 94,2 di aprile.


Sul versante societario da seguire Medtronic che prima dell'avvio degli scambi alzerà il velo sui conti degli ultimi tre mesi dai quali ci si attende un utile per azione pari a 1,26 dollari.
In Europa sarà diffuso il dato preliminare dell'indice dei prezzi al consumo che a maggio dovrebbe mostrare una variazione negativa dello 0,1% rispetto al calo dello 0,2% precedente, mentre la versione "core" è vista in progresso dello 0,7%, in linea con la lettura precedente.


Sempre in Europa il tasso di disoccupazione ad aprile è visto al 10,2%, in linea con la rilevazione di marzo e lo stesso dato in Germania dovrebbe rimanere invariato al 6,2%.
In terra tedesca si conosceranno anche le vendite al dettaglio di aprile che dovrebbero mostrare un rialzo dell'1,1% rispetto al calo dell'1,1% precedente.
In Francia si conoscerà l'indicazione preliminare dell'indice armonizzato dei prezzi al consumo che a maggio è visto in calo dello 0,1%, al pari dell'indicazione di aprile.
In Italia è atteso il dato finale del PIL del primo trimestre per il quale le stime parlano di un rialzo dello 0,3%, in linea con la lettura dei tre mesi precedenti. Per l'inflazione preliminare di maggio si stima un rialzo dello 0,5% rispetto al calo dello 0,1% del mese precedente.

I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari saranno diffusi i risultati dell'esercizio 2015 di Innovatec e si segnalano le assemblea di CHL, Intek Group e Tas, per l'approvazione dei dati di bilancio dell'ultimo esercizio.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento