-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 30 maggio 2016

Piazza Affari regalerà ancora spunti rialzisti nel breve


E' salito a quattro il numero di sedute consecutive al rialzo per le Borse europee che anche venerdì scorso hanno terminato gli scambi al di sopra della parità, ma con variazioni percentuali molto contenute. Il Cac40 e il Ftse100 sono saliti rispettivamente dello 0,05% e dello 0,08%, preceduti dal Dax30 che ha guadagnato lo 0,13%.
Diverso lo scenario se ci si sposta a Piazza Affari dove il Ftse Mib si è fermato a 18.186 punti, con un ribasso dello 0,17%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 18.216 e un minimo a 18.088 punti.


Positivo comunque il bilancio settimanale visto che nelle ultime cinque sedute l'indice delle blue chips ha guadagnato il 2,09% rispetto al close del venerdì precedente.

Fin dove si spingerà il recupero del Ftse Mib?

In avvio di ottava il Ftse Mib è stato penalizzato dallo stacco dei dividendi che ha spinto le quotazioni ad un passo dall'area dei 17.200.
Da questo livello è partito un recupero che ha permesso di risalire la china a grandi passi, con un ritorno veloce al di sopra dei 18.000 punti e successivo allungo verso i 18.200. I corsi si sono mossi in quest'ultimo intervallo nelle due sessione prima del week-end, dando vita ad un consolidamento che appare foriero di ulteriori progressi nel breve.
Con la tenuta di area 18.000 il Ftse Mib potrà tentare un attacco all'area dei 18.500, ultimo ostacolo da abbattere prima di un approdo sui recenti massimi di periodo in area 19.000/19.200, dove si andrà a valutare la forza del mercato per verificare l'esistenza di condizioni favorevoli o meno ad ulteriori progressi.
Ritorni al di sotto dei 18.000/17.900 punti farebbero scattare un primo alert visto che profilerebbero il rischio di una discesa verso i 17.500 punti.

L'abbandono di questa soglia porterà ad un test dei 17.200, sotto cui la flessione proseguirà verso i 17.000/16.800 punti. La tenuta di quest'ultimo sostegno è cruciale per evitare approfondimenti ribassisti che potrebbero riportare anche sui minimi dell'anno segnati a febbraio in area 16.000/15.800.
La nostra view è costruttiva sul mercato e ci aspettiamo ulteriori apprezzamenti nel breve in direzione degli obiettivi segnalati prima, considerando ben più contenuto rispetto alle scorse settimane il rischio di nuovi ribassi.

I market movers da seguire in apertura di settimana

Per la prima seduta della prossima settimana si segnala la chiusura di Wall Street in occasione della festività del Memorial Day.
In Europa sarà chiusa per festività la Borsa londinese, mentre sul fronte macro si segnala l'indice della fiducia economica che a maggio dovrebbe attestarsi a 104,5 punti, mentre l'indice della fiducia dei consumatori è visto a -7 punti.

Per l'indice di fiducia dell'industria e per quello dei servizi di stima una rilevazione pari rispettivamente a -3,5 e a 11 punti.
In Francia è atteso il dato finale del PIL del primo trimestre visto in rialzo dello 0,5%, mentre in Germania sarà diffuso il dato preliminare dell'inflazione armonizzata di maggio, vista in rialzo dello 0,3% rispetto al calo dello 03% precedente.

I titoli e i temi da seguire in avvio di settimana

A Piazza Affari si segnala lo stacco del dividendo di Ferrari (0,46 euro), ASTM (0,25 euro), Nice (0,0703 euro), Tamburi IP (0,061 euro) e Piteco (0,1 euro).
Da seguire Agronomia e Methorios Capital che presenteranno i risultati dell'esercizio 2015e in agenda troviamo le assemblee di Terna, Ambienthesis, InteK Group e Pierrel, per l'approvazione dei dati di bilancio dell'ultimo esercizio.


Lunedì avverrà il frazionamento azionario di El.En che sarà realizzato nel rapporto di 4 nuove azioni ogni titolo attualmente in circolazione.
Da seguire infine l'asta dei titoli di Stato visto che saranno offerti BTP con scadenza nel 2021 per un ammontare compreso tra 2 e 2,5 miliardi di euro, mentre i BTP con scadenza giugno saranno collocati per un importo tra 2,5 e 3 miliardi di euro.
In asta anche i CCTeu con scadenza luglio 2023 per un ammontare tra 1,5 e 2 miliardi di euro.    
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento