-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 25 maggio 2016

Il Ftse Mib ritrova smalto: si torna sui recenti massimi?


Anche la seduta odierna ha visto gli acquisti avere la meglio sulle Borse europee che hanno chiuso gli scambi nuovamente in territorio positivo. Il Ftse100 è salito dello 0,7%, ma è andata meglio al Cac40 e al Dax30 che si sono apprezzati rispettivamente dell'1,13% e dell'1,47%.

Ftse Mib lanciato verso i massimi in area 19.000/19.200?

A salire in cattedra è stata ancora una volta Piazza Affari che dopo il rally di ieri si è spinta ulteriormente in avanti.

Il Ftse Mib si è fermato a 18.201 punti, con un vantaggio dell'1,66%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 18.216 e un minimo a 17.975 punti. 
L'indice delle blue chips ha aperto le contrattazioni in gap-up, riconquistando subito la soglia dei 18.000 punti e spingendosi verso area 18.200.
Il mercato di fatto ha compiuto il salto di qualità di cui parlavamo nella rubrica di ieri, guadagnandosi così spazi per ulteriori salire nel breve.
Al di sopra dei 18.000 punti il Ftse Mib avrà come target ora la soglia dei 18.000 punti, ultimo ostacolo da abbattere prima di assistere ad un nuovo test di area 19.000/19.200, ossia dei recenti massimi di periodo.


Il forte rialzo delle ultime due sedute potrebbe anche favorire delle prese di beneficio e condurre eventualmente alla chiusura del gap-up lasciato aperto oggi in avvio.
Solo con l'abbandono definitivo di area 18.000/17.900 si assisterà ad un ritorno di debolezza che costringerà a spostare nuovamente l'attenzione sui 17.500 punti.
L'eventuale cedimento di questa soglia porterà con buona probabilità ad un test dei minimi settimanali in area 17.200, con possibili estensioni ribassiste verso i 17.000/16.800 punti nella peggiore delle ipotesi. 
Le attese sono per una prosecuzione della fase costruttiva in essere per il Ftse Mib, senza escludere eventuali ripiegamenti che fino a determinati livelli di prezzo saranno occasioni da sfruttare per nuovi ingressi al rialzo.

I market movers da seguire in America

Domani sul fronte macro Usa si conosceranno le nuove richieste di sussidi di disoccupazione che dovrebbero calare da 278mila a 275mila unità.

Per gli ordini di beni durevoli di aprile le stime parlano di una variazione positiva dello 0,6% rispetto allo 0,8% precedente, mentre al netto della componente trasporti è atteso un rialzo dello 0,6% rispetto al calo dello 0,2% precedente.
L'indice home pending sales, relativo cioè alle vendite di case con contratti in corso, ad aprile dovrebbe mostrare un rialzo dello 0,6%  rispetto all'1,4% precedente.
In calendario un discorso di James Bullard, presidente della Fed di St.Louis, oltre al quale prenderà al parola anche Jerome Powell, membro della Banca Centrale americana.
Sul versante societario da seguire Abercrombie & Fitch che prima dell'avvio degli scambi presenterà i risultati degli utili dei tre mesi dai quali ci si attende una perdita per azione di 0,51 dollari. 

I titoli da monitorare a Piazza Affari

In Europa non sono previsti dati macro di rilievo, mentre a Piazza Affari si conosceranno i risultati dell'esercizio 2015 di WM Capital e quelli del primo semestre 2015-2016 di Mittel.


In agenda le assemblee di Enel, Autogrill e Zucchi per l'approvazione dei dati di bilancio dell'ultimo esercizio. 
Da seguire l'asta dei titoli di Stato visto che saranno offerti CTZ per un ammontare tra 2 e 2,5 miliardi di euro. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento