-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 23 maggio 2016

EUR/USD: l'analisi valida per la settimana

Condizione di breve termine – Aggiornamento settimanale
Continua a farsi sentire la pressione ribassista che, dopo i nuovi massimi di periodo su livelli intermedi tra i massimi dello scorso anno (area 1,17) e i ripetuti massimi relativi in area 1,14/1,145 punti, ha creato i presupposti per un nuovo ritracciamento sfociato, al momento, in area 1,12 circa.
Valutazione algoritmica: il mercato si è portato nell’area compresa tra 1,115 e 1,121 punti circa, prossimo supporto di breve termine di una certa importanza e, dunque, la situazione potrebbe ora peggiorare in caso di continuazione immediata. Gli oscillatori sono ora entrati in area di ipervenduto (lieve per il RSI e grave per lo stocastico) e, dunque, la prossima settimana sarà presumibilmente decisiva per l’immediato futuro.
Valutazione angolare: rotto il primo supporto utile a 1,129 punti circa, la nostra valuta potrebbe ora tentare il raggiungimento del livello inferiore che sarà posizionato, nei prossimi giorni, a 1,10/1,105 punti. In caso di immediati ritracciamenti, attenzione a ritorni tra 1,13 e 1,135 punti, area che potrebbe creare nuove resistenze per il breve/brevissimo termine.
Main trend: short da 1,136.
Condizione di medio termine – Aggiornamento settimanale
Prosegue il ribasso del mercato dopo la precedente conferma definita dalla rottura dei minimi della barra reversal sui massimi di periodo. Le (Taiwan OTC: 8490.TWO - notizie) quotazioni sono scese anche sotto area 1,12, avvicinando il target inferiore già definito a 1,108/1,11 punti circa.
Valutazione statica: il cedimento del primo supporto già indicato a 1,135/1,136 e, come atteso, la contestuale rottura dei minimi infrasettimanale hanno confermato le aspettative ribassiste e permesso l’immediato raggiungimento del primo obiettivo a 1,12 punti circa. L’attenzione ora dovrà essere posta al ribasso sul livello 1,119/1,12 punti circa, nuovo supporto di medio termine e, al rialzo, sul livello 1,135/1,14, possibile resistenza indiretta e di ritorno.
Valutazione algoritmica: il RSI ritraccia e si porta marginalmente sotto la sua mediana mentre lo stocastico evidenzia la già citata divergenza ribassista che potrebbe contribuire a peggiorare la situazione nei prossimi giorni (salvo break e conferma direzionale).
Valutazione dinamica: la rottura sotto il primo supporto valido e rilevabile nell’area compresa tra 1,132 e 1,138 punti ha permesso la continuazione direzionale e il veloce raggiungimento del primo obiettivo a 1,121 circa. In caso di continuazione, il successivo target dovrebbe essere posizionato a 1,10 punti circa ma occorrerà anche fare attenzione al fatto che i minimi infrasettimanali attuali, come da grafico, si sono appoggiati perfettamente alla trend-line di grado superiore rotta alla fine del mese di marzo e confermata da massimi superiori e che aveva obiettivo minimo in area 1,18 punti almeno (da valutare, in futuro, la tenuta del supporto dinamico formatosi nel frattempo e attualmente valido poco sopra 1,10 punti).
Media mobili di riferimento sempre in fase positiva dopo l’attraversamento della media a breve con quella a lungo termine; la prima quota ora circa a 1,133 punti, la secondo a 1,106 punti.
Condizione di lungo termine – Aggiornamento mensile
Per la prima volta da quasi tre anni il mercato ha fatto registrare tre barre mensili consecutive di massimi superiori ma le quotazioni rimangono ancora all’interno dell’area primaria di riferimento  compresa tra i minimi di lungo periodo poco sopra la parità e l’ultimo massimo di medio termine fatto registrare a 1,17/,175 l’estate scorsa. Saranno probabilmente importanti, dunque, i prossimi tre mesi in quanto aiuteranno a meglio identificare le intenzioni degli operatori di medio ma anche di lungo termine.
Valutazione algoritmica: risale ancora la quotazione dell’oscillatore di riferimento che si porta anche sopra la sua mediana, evidenziando un recupero parziale della forza ma, anche, facendo rilevare ora un potenziale e interessante pivot proprio sui massimi di periodo; sarà importante, dunque, osservare il comportamento del mercato durante il prossimo mese, in relazione soprattutto ai massimi che riuscirà a toccare su eventuali nuovi allunghi. 
Valutazione dinamica: Il mercato ha ormai rotto la prima resistenza utile già indicata a 1,085/1,095 punti circa, derivante di due massimi relativi maggio 2014 – agosto 2015, confermandola nei mesi successivi; in caso di continuazione, come già specificato, 1,17/1,18 sarà il primo obiettivo utile.
Valutazione angolare: la doppia tenuta dell’angolo di lungo termine identificato in precedenza a 1,052/1,059 punti circa (ora quota in area 1,06/1,065 punti) ha permesso l’attuale recupero del mercato che si sta portando sui massimi precedenti, pur muovendosi con movimenti lenti e intervallati da continue fasi laterali e/o di ritracciamento di breve/medio termine.
Autore: Marco Benzoni Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento