-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 5 maggio 2016

BCE: “Misure di maggio a favore di economia reale”

Il Bollettino Economico della BCE evidenzia come “La turbolenza osservata nei mercati finanziari agli inizi del 2016 si è attenuata e l’attività economica mondiale evidenzia segnali di stabilizzazione”. Generalmente il mercato finanziario anticipa l’economia reale, come nel caso del QE di Draghi, quindi sembra strano che, in presenza di proiezioni macroeconomiche di leggera stabilizzazione, le piazze finanziarie europee soffrano. Per sbilanciarsi però la BCE, che non è l’Eurogruppo organo ostaggio dei politici, vuole significare che qualcosina è comunque migliorata, anche se emergenze e problematiche gravi sono ancora aperte sul terreno del settore bancario. Se effettivamente le politiche monetarie di maggio 2016 porteranno effetti lo sapremo a fine anno anche se oggi va tanto di moda il “sell in may and go away!“. Di seguito parte della relazione, per leggere tutto il documento andare a cliccare sull’immagine sotto.
“…La ripresa economica nell’area dell’euro sta proseguendo, trainata dalla domanda interna, mentre la domanda estera rimane debole. La domanda interna continua a essere sorretta dalle misure di politica monetaria. Il loro impatto favorevole sulle condizioni finanziarie, assieme al miglioramento della redditività delle imprese, incentiva gli investimenti. Inoltre, l’orientamento monetario accomodante, il persistente aumento dell’occupazione risultante dalle riforme strutturali attuate in precedenza e il prezzo ancora relativamente basso del petrolio dovrebbero continuare a sostenere il reddito disponibile reale delle famiglie e i consumi privati. In aggiunta, l’orientamento fiscale nell’area dell’euro è lievemente espansivo. Al tempo stesso la ripresa economica nell’area dell’euro è ancora frenata dal processo di aggiustamento dei bilanci in diversi settori, dal ritmo insufficiente di attuazione delle riforme strutturali in alcuni paesi e dalle prospettive di crescita contenuta nei mercati emergenti. I rischi per le prospettive di crescita dell’area dell’euro restano orientati verso il basso…”

 
bce consumi2
Autore: Trading Room Roma

Nessun commento:

Posta un commento